14 luglio 2020
Aggiornato 17:00
Calcio

E’ Ambrosini l’unica alternativa a Maldini

Fassone spera ancora di convincere l’ex difensore ad accettare il ruolo di direttore tecnico nel nuovo Milan, ma inizia anche a guardarsi intorno per avere alternative valide

MILANO - Paolo Maldini sembra sempre più lontano dal ritorno al Milan dopo la proposta di Marco Fassone, futuro amministratore delegato rossonero, di affidargli la direzione tecnica del club, un incarico poco allettante per l’ex capitano che una risposta definitiva non l’ha data ma che appare sempre più propenso a rifiutare il lavoro che il Milan ha offerto. Fassone, che come la cordata cinese che sta acquisendo il Milan è discretamente irritato per il comportamento di Maldini e non intende recedere dalla sua offerta, sta cominciando così a guardarsi intorno per reperire un altro grande ex milanista da inserire nel nuovo organigramma societario: Albertini e Costacurta si sono autoesclusi con le loro battute e tweet, Baresi non sembra la persona adatta, mentre sia Di Canio che Massaro convincono poco; resta così Massimo Ambrosini, ex capitano rossonero anche lui, ritenuto adatto al ruolo e propenso ad accettare l’incarico pur di rientrare nel Milan dove ha vinto tutto da calciatore. La dirigenza milanista aspetterà ancora qualche giorno, poi saluterà definitivamente Paolo Maldini e inizierà il corteggiamento (forse meno irto di ostacoli) a Massimo Ambrosini.