11 dicembre 2019
Aggiornato 08:30

Milan: a gennaio pronto l’assalto ad Aleix Vidal

L’entourage del calciatore del Barcellona, poco utilizzato da Luis Enrique, conferma la volontà di lasciare la Spagna in inverno. Rossoneri pronti a risolvere così il disastroso reparto di terzini a disposizione di Montella

BARCELLONA - Il nuovo Milan non è ancora nato ma già lavora per rinforzare la squadra da affidare a Montella nella seconda parte di stagione, da gennaio a maggio 2017. L’infruttuosa campagna estivi perpetrata da Adriano Galliani, infatti, non ha lasciato il segno e i nuovi proprietari del Milan vogliono provare a rendere più competitivi i rossoneri sin da subito, magari con i famosi 100 milioni immediatamente messi a disposizione del mercato invernale. Uno dei reparti maggiormente in difficoltà è certamente quello relativo ai terzini: Abate è inguardabile, De Sciglio poco meglio ma nulla di buono comunque, Vangioni è stato bocciato fin dal primo allenamento, Calabria bravo ma giovane, Antonelli, al contrario, bravo ma usurato. Ecco che allora almeno (ma come minimo) un nuovo esterno di difesa a Milanello arriverà certamente, ed il primo nome sulla lista di Marco Fassone è quello di Aleix Vidal, terzino del Barcellona, quasi mai utilizzato da Luis Enrique ed irritato dalle troppe panchine.

Occasione d’oro

Un malcontento che ha messo in moto l’entourage dell’ex calciatore del Siviglia, in particolar modo per bocca di Graziano Battistini, ex portiere di Udinese e Verona, oggi agente del calciatore, che ha infatti dichiarato: «Aleix non è ovviamente contento di giocare così poco - afferma Battistini - e confermo che a Barcellona ci sono diversi problemi ambientali per lui. E’ un grande calciatore ed è molto stimato in tutta Europa; Italia? Non chiudo le porte a nessuno, anzi, la serie A è un ottimo campionato, Aleix in Italia è richiesto ed appetito, a gennaio si vedrà, non escludo di indirizzarlo verso club italiani». Un’apertura rilevante, un’occasione che il Milan, vista la penuria di materiale umano nel reparto laterale della difesa, non può lasciarsi sfuggire.