5 dicembre 2019
Aggiornato 20:00

Aprilia di nuovo con i big in qualifica

Per il secondo Gran Premio consecutivo, la casa di Noale centra l'accesso alla corsa alla pole position. Ad Aragon è merito di Stefan Bradl, che si piazza in dodicesima posizione: «Un traguardo importante, possiamo far bene»

Stefan Bradl in azione ad Aragon
Stefan Bradl in azione ad Aragon

ALCAÑIZ – Le Aprilia RS-GP confermano i progressi anche nelle qualifiche di Aragon, con Stefan Bradl bravo a conquistare la fase finale delle qualifiche e Alvaro Bautista che ha sfiorato l'ingresso alla seconda sessione per meno di tre decimi. I piloti della casa di Noale scatteranno quindi domani dalla quarta (dodicesimo tempo per Bradl) e quinta fila (quattordicesimo Bautista). Stefan e Alvaro hanno continuato nelle due sessioni di prova il loro lavoro alla ricerca del miglior passo gara, su una pista che già ieri ha messo in evidenza distacchi ridotti con gomma nuova ma corposi cali di ritmo al passare dei giri. Situazione che rende fondamentale da un lato la scelta dello pneumatico più adatto tra le opzioni disponibili, dall'altro un costante affinamento delle configurazioni di elettronica e ciclistica. Nelle qualifiche Bradl e Bautista sono partiti con piglio deciso, facendo segnare buoni rilevamenti fin dalla prima uscita. Rientrati al box per il cambio gomme, hanno quindi dato l'assalto alle prime due posizioni, quelle che garantiscono il passaggio alla seconda frazione. Stefan lo ha conquistato con il secondo tempo, 1:48.622, a soli 26 millesimi dal miglior crono. Nella fase decisiva delle prove Bradl ha dato il massimo, non disponendo di coperture anteriori nuove ma guadagnando una promettente dodicesima posizione. «Una gran bella giornata per noi, raggiungere la fase finale delle qualifiche è un traguardo importante – conferma il tedesco – Non abbiamo fatto grandi cambiamenti rispetto a ieri, ci siamo limitati ad affinare l'assetto visto che le sensazioni erano state buone. Questa mattina non era facile, abbiamo visto molte cadute e anche io stavo per scivolare ad un certo punto. Nel pomeriggio la situazione è migliorata, avevo un buon feeling con la mia Aprilia e sono riuscito a fare un giro veloce per passare alla Q2. A quel punto non avevo gomme anteriori nuove da sfruttare ma la posizione di partenza mi rende comunque fiducioso. Ci siamo preparati alla gara nel migliore dei modi, se le condizioni saranno quelle di oggi potremo fare bene».‬‬

Alvaro Bautista resta fuori
Bautista ha invece sfiorato la seconda qualifica per meno di tre decimi con il tempo di 1:48.904. Durante le prove libere della mattina Alvaro è stato anche protagonista di una innocua scivolata, in un turno che si è fatto notare per le molte cadute complice l'asfalto piuttosto freddo. «Le condizioni di questa mattina non erano delle migliori, sono scivolato senza spingere particolarmente, perdendo un po' di confidenza – spiega lo spagnolo – Nel pomeriggio abbiamo ripreso il nostro lavoro, nelle ultime prove libere specialmente ho fatto molti giri con gomma usata mantenendo un buon ritmo, e questo mi fa ben sperare per la gara. In qualifica, nel mio giro veloce, ho fatto un piccolo errore all'ultima curva che mi ha sicuramente fatto perdere qualche decimo. In ogni caso partiamo da una buona posizione, lo stiamo facendo da qualche gara e questo testimonia i nostri progressi. Si può dire che stiamo raccogliendo i frutti di quanto fatto fin'ora sulla RS-GP, domani abbiamo le carte in regola per mirare a un buon risultato».