29 gennaio 2020
Aggiornato 09:00
Macio in sella alla Panigale R

Marco Melandri, primo contatto con la Ducati Superbike

Nella tre giorni di test della Rossa di Borgo Panigale a Misano è sceso in pista anche il pilota ravennate, che correrà il prossimo anno: «Il ritorno un'emozione incredibile. E sono andato già più forte di quanto mi aspettassi»

MISANO ADRIATICO – La Ducati Superbike ha concluso positivamente i tre giorni di test al Misano World Circuit, utili sia per provare aggiornamenti di ciclistica ed elettronica che per aiutare i piloti Chaz Davies e Davide Giugliano a mantenere ai massimi livelli la confidenza in sella durante la pausa estiva. Al loro fianco è però sceso in pista anche Marco Melandri con il test team. Il ravennate ha così provato per la prima volta in configurazione Superbike la Panigale R che guiderà nel 2017, iniziando il lavoro sull’assetto di base con riscontri positivi sia dal punto di vista delle sensazioni in sella che dei tempi sul giro. «Ho provato un’emozione incredibile a tornare in pista – racconta Macio – Abbiamo lavorato con calma e metodo, riprendendo gradualmente gli automatismi e cercando innanzitutto di trovare la giusta posizione in sella per poi provare diverse modifiche di ciclistica ed elettronica per capire il comportamento della moto. Sono rimasto stupito in particolare dalla precisione dell’anteriore, fondamentale per il mio stile di guida. Pur senza concentrarci sui tempi, siamo stati più veloci delle aspettative. Ora proseguirò con il programma di allenamenti in vista dei prossimi test».

I due piloti ufficiali lavorano per il finale di stagione
Davies e Giugliano hanno percorso rispettivamente 66 e 111 giri, siglando entrambi tempi più bassi rispetto al weekend di gara. Giugliano è sceso in pista lunedì e martedì, mentre ieri Davies è rimasto ai box a causa di una contrattura alla schiena per poi completare il programma di test mercoledì mattina. «Lunedì siamo partiti con il piede giusto – spiega il britannico – girando subito più veloci che in gara, ma poi ho avvertito una contrattura ed ho preferito consultare lo staff medico del circuito, che ringrazio molto per l’aiuto, prima di tornare in sella. Fortunatamente non si è trattato di nulla di grave, il recupero è stato veloce ed oggi siamo riusciti a effettuare alcune prove molto importanti e raccogliere dati. La base è migliorata rispetto alle ultime gare, mi sento maggiormente a mio agio e fiducioso, e non vedo l’ora di affrontare i prossimi round». Gli fa eco il romano, suo compagno di squadra: «Era importante salire sulla Panigale R durante la pausa estiva, anche se gli allenamenti proseguono a pieno ritmo. Misano poi ha alcune caratteristiche in comune con il Lausitzring, quindi abbiamo ottimizzato il setup in vista della nostra prossima gara. Il feeling con la moto è molto buono, negi ultimi quattro round abbiamo fatto grandi passi avanti e siamo saliti sempre sul podio. Siamo pronti ad affrontare le prossime gare e fiduciosi di poter raccogliere risultati ancora migliori». La Ducati tornerà in pista dal 16 al 18 settembre sul circuito tedesco del Lausitzring per il decimo round del Mondiale Superbike.