19 ottobre 2019
Aggiornato 09:00

Paredes e Kovacic snobbano il Milan

I due centrocampisti, obiettivi rossoneri, rispondono col classico due di picche alle avances di Galliani

MILANO - Che l’estate del Milan sia un calvario è noto a tutti, che acquistare calciatori sia complicato, idem, ma che i tifosi rossoneri dovessero anche sorbirsi umiliazioni e pernacchie, forse non era previsto. Dopo gli abboccamenti e le illusioni per Ibrahimovic e Pjaca, dopo l’estenuante e fallimentare inseguimento a Musacchio, infatti, Adriano Galliani ha cercato e continua a cercare un centrocampista di qualità da regalare a Vincenzo Montella, ma l’affare è assai complicato: Badelj, che sarebbe venuto di corsa a Milanello, è stato bloccato dalla Fiorentina che lo ritiene incedibile al 100%, mentre invece sia Kovacic che Paredes hanno snobbato neanche tanto velatamente il corteggiamento milanista. Il croato del Real Madrid (peraltro pessimo nella sua prova da titolare nella Supercoppa Europea contro il Siviglia) ha risposto candidamente alla domanda su un possibile trasferimento a Milano dove ha già giocato con la maglia dell’Inter: «Milan? No, grazie, sono un calciatore del Real Madrid e tale voglio rimanere». E vai con la prima picconata. Allora Galliani si sposta a Trigoria e chiede notizie di Leandro Paredes, centrocampista argentino della Roma e protagonista di un’ottima stagione ad Empoli; i giallorossi hanno fatto orecchie da mercante, anche perché sul regista sudamericano ci sono altre squadre europee e l’obiettivo di Walter Sabatini è quello di scatenare un’asta, mentre lo stesso Paredes ha smorzato le velleità milaniste dichiarando: «Sto bene a Roma dove posso giocarmi il posto in campionato e in Europa». Depennato anche lui, adesso a Galliani non rimane che continuare a sfogliare una margherita con sempre meno petali.