8 dicembre 2019
Aggiornato 15:00

Milan-Genoa: salta lo scambio Suso-Pavoletti

Lo spagnolo dovrebbe rimanere in rossonero dopo il bel precampionato, mentre il centravanti genoano non sembra entusiasmare Montella

MILANO - Stavolta l’asse Galliani-Preziosi non genera affari. Dopo anni di collaborazione, scambi e trattative nerorossoblu, infatti, quest’anno Milan e Genoa non sembrano trovarsi in grande sintonia, anzi. Dopo l’affare Lapadula, acquistato dal Milan che ha bruciato Preziosi sul tempo, il presidente del Genoa si è detto risentito nei confronti di Galliani, nutrendo qualche goccia di rancore verso l’amico di vecchia data. Le cose, tuttavia, parevano migliorare allorquando le difficoltà economiche del Milan avevano suggerito un’idea non originale ma redditizia: uno scambio fra Suso e Pavoletti, con il fantasista spagnolo pronto a tornare in Liguria dove tanto bene ha fatto da gennaio a maggio scorso, e l’ex centravanti del Varese a fare il percorso contrario andando a Milanello a sostituire il partente Carlos Bacca.

Dubbi

Invece l’affare è tramontato sul nascere: Montella ha bloccato Suso che si sta comportando benissimo in queste prime amichevoli estive del Milan ed è il capocannoniere della squadra rossonera, guadagnandosi, almeno al momento, la permanenza milanista; inoltre Pavoletti, da tempo inseguito da Galliani, non riscontra i pareri favorevoli del nuovo tecnico del Milan che non ritiene l’attaccante del Genoa la soluzione più adatta al suo gioco, un centravanti troppo statico per il 4-3-3 veloce che l’ex allenatore della Sampdoria vuole inculcare nella mente dei suoi calciatori. E così ognuno resta a casa sua coi suoi problemi, Pavoletti con le ali tarpate, Suso con il dubbio di un posto da titolare comunque non assicurato.