31 marzo 2020
Aggiornato 05:00
Buone indicazioni dalla moto italiana

Ducati ok al Sachsenring: altro che pista nemica!

Sulla carta il Gran Premio di Germania doveva essere sfavorevole alla Rossa di Borgo Panigale. Invece, il venerdì di prove libere ha regalato soddisfazioni ad Andrea Iannone, secondo, e Andrea Dovizioso, quinto

Andrea Dovizioso in azione al Sachsenring
Andrea Dovizioso in azione al Sachsenring Michelin

CHEMNITZ – È iniziato in modo positivo per i due piloti Ducati il weekend del Sachsenring, il circuito nella ex-Germania dell’Est dove domenica si disputerà il GP di Germania. Al termine della prima giornata di prove Andrea Iannone ha infatti ottenuto il secondo tempo mentre Andrea Dovizioso si è classificato in quinta posizione. In una giornata nuvolosa, con temperature intorno ai 15 gradi, tutti i piloti della MotoGP hanno ottenuto i loro migliori crono nella seconda sessione di prove, disputata nel pomeriggio con pista asciutta. Nelle prime prove libere del mattino infatti, dopo una decina di minuti dall’inizio della sessione, aveva iniziato a piovigginare e quindi la maggioranza dei piloti aveva potuto compiere solo pochi giri ed era poi rimasta ferma ai box fino al termine del turno, concluso con Iannone primo e Dovizioso quinto. Nel secondo turno di prove libere, al penultimo giro il pilota di Vasto è riuscito ad ottenere il suo miglior crono in 1:22.381 a poco più di due decimi da Viñales, leader provvisorio della classifica di oggi. Dovizioso ha invece ottenuto il quinto tempo, in 1:22.930, al termine del suo ultimo giro. Nella classifica di oggi troviamo sei piloti Ducati tra i primi dieci: oltre ai due piloti del team ufficiale infatti Barbera, Petrucci, Redding e Hernandez si sono posizionati tra il settimo e il decimo posto.

I commenti dei piloti
«Tutto sommato oggi sono soddisfatto – commenta Iannone, secondo a fine giornata – Sia questa mattina che nel pomeriggio il mio feeling è stato molto buono: sono partito con molta fiducia e il comportamento della moto mi piace. Sono un po’ sorpreso, perché sia l’anno scorso che nel 2014 qui abbiamo fatto molta fatica, e quindi vuol dire che ancora una volta siamo riusciti a fare un buon lavoro tutti insieme. Oggi abbiamo avuto un po’ di problemi in generale con il grip, sia davanti che dietro, ma credo che sia un problema che hanno tutti. A mio parere la Michelin ha portato delle gomme giuste per questo circuito, e il problema è solo che la temperatura oggi era troppo bassa e quindi abbiamo dovuto adattare al meglio il setup della moto per gestire questa situazione». Gli fa eco Dovizioso, quinto oggi: «Il mio weekend è iniziato in maniera positiva, considerando anche che la pista era in condizioni difficili, a causa del freddo, ed era molto facile cadere. Alla fine siamo in una buona posizione, anche se il feeling con la moto non è ancora perfetto e avverto qualche vibrazione nelle curve a destra. Spero che domani le condizioni meteo migliorino e ci permettano di lavorare meglio, in modo da poter sistemare anche questi ultimi aspetti».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal