29 settembre 2020
Aggiornato 21:00
Calcio

Di Stefano a Sky: “Abate ed Abbiati ce l’avevano con Menez”

L’inviato a Milanello per l’emittente satellitare rivela come le accuse dei due senatori dopo Chievo-Milan fossero rivolte all’attaccante francese

MILANO - Non c’è pace al Milan: non bastassero le deludenti prestazioni contro Sassuolo, Chievo e Lazio, ci si è messo ora anche il caso Menez, reo di essersi alzato dalla panchina con svogliatezza e solo dopo sollecitazione del vice allenatore di Mihajlovic, Nenad Sakic. Peppe Di Stefano, inviato a Milanello per Sky Sport, ha rivelato: «Menez era stato il leader del Milan l’anno scorso, quest’anno è partito male a causa degli infortuni, col Chievo era partito titolare ma al momento della sostituzione si è arrabbiato con Sakic e penso che la sfuriata di Abbiati e Abate dopo la gara del Bentegodi fosse riferita al francese, accusato di non tenere tanto alla maglia e di pensare solo a sé stesso». Ecco in cosa è caduto il Milan: squadra allo sbando, spogliatoio nervoso nonostante l’unione intorno all’allenatore, e il timore di punire un calciatore come Menez, indolente ed egoista (in campo e fuori) ma pur sempre uno dei pochi uomini di talento della squadra, elemento che potrebbe essere utile nel finale di campionato dei rossoneri e, soprattutto, nella finale di Coppa Italia contro la Juventus. Nel Milan di Capello, Menez sarebbe già in tribuna, oggi non è possibile prendere provvedimenti perché le qualità tecniche della compagine milanista sono scarse e il francese è uno dei pochi ad alzare il tasso di una formazione mediocre che si trova al sesto posto della classifica perché è quello che vale.