6 aprile 2020
Aggiornato 01:00
Non solo Max Biaggi

Ducati a Misano per tornare sul podio Sbk

Davide Giugliano e Chaz Davies puntano a un buon risultato davanti al pubblico di casa della rossa, dopo le sfortune dell'ultima edizione. E saranno affiancati da una wild card, il rientrante Luca Scassa

MISANO – L'obiettivo minimo è il podio. Mentre gli occhi dei tifosi italiani saranno quasi tutti puntati sul rientro della leggenda Max Biaggi, anche la Ducati promette di regalare loro soddisfazioni nel suo secondo weekend di casa. L'anno scorso l'appuntamento di Misano non fu felice per i colori rossi: una scivolata e una penalità per i due piloti impedirono loro di cogliere i risultati che meritavano. Ma dodici mesi più tardi la voglia di far bene non è calata, soprattutto portandosi dietro la carica dell'ultimo fine settimana, a Portimao, dove Chaz Davies e Davide Giugliano hanno conquistato un podio a testa. Il primo a volersi scrollare di dosso la sfortuna è il romano: «Adesso torniamo in Italia dove ci sono sempre moltissimi nostri tifosi che vengono a guardare le gare e per me e per il mio team questo conta tantissimo – spiega Giugliano – Misano è una pista che mi piace molto. L’anno scorso siamo riusciti ad andare molto forte, ma poi le gare sono state sfortunate. Speriamo di esserci lasciati quella sfortuna alle spalle e di essere in grado di fare due belle gare davanti al nostro pubblico di casa».

Anche Davies gioca un po' in casa
Anche per Davies, che ormai un po' italiano lo è diventato di adozione, le gare di Misano significano molto. Il gallese si è infatti sempre dimostrato molto sensibile alla spinta dei tifosi casalinghi: proprio nel suo primo weekend in Italia con la Ducati, l'anno scorso ad Imola, infatti, riuscì a salire due volte sul secondo gradino del podio. Dunque, perché non puntare al bis? «Sono entusiasta di tornare a correre in Italia. È sempre un piacere, anche se spero che ci porti risultati migliori rispetto a quelli di Imola. L’anno scorso la prima gara di Misano è andata abbastanza bene, ed ho finito quarto dopo aver lottato per il podio. Purtroppo poi in gara 2 ho commesso un errore e sono scivolato. Il tracciato è stato riasfaltato e questo ci dovrebbe aiutare dal punto di vista della trazione, che è sempre critica a Misano, soprattutto con temperature che sono spesso molto alte. Diciamo che sono ottimista e che arrivo sulla riva dell’Adriatico con l’intenzione di lottare per il podio, o magari qualcosa di più».

La wild card
I due piloti ufficiali saranno affiancati da Luca Scassa, che parteciperà come wild card. Sono cinque anni che Scassa non gareggia a Misano con una Superbike ed il suo miglior risultato fu un ottavo posto nel 2010: «Il weekend si sta avvicinando finalmente. Il circuito di Misano è uno di quelli che mi ha regalato tante belle emozioni in passato e spero che me ne possa regalare ancora tante in futuro. Mi sono allenato e riposato molto in questi ultimi giorni, per arrivare a questo appuntamento il più preparato possibile. Sarà un weekend di duro lavoro, ma ad ogni giro con la Panigale mi sento sempre più a mio agio e spero che il feeling continui a migliorare per portarmi presto a girare in ottimi tempi. Questo weekend rappresenta per me il primo passo per tornare ai livelli di qualche anno fa…».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal