19 agosto 2019
Aggiornato 06:30

Bolt: «Mi ritiro dopo Rio 2016»

Il giamaicano, che in carriera vanta 6 ori olimpici e 8 mondiali, gli ultimi 3 a Mosca in 100, 200 e staffetta 4x100, ha precisato: «Voglio continuare a dominare, non posso permettermi la minima flessione durante una stagione»

BRUXELLES- I Giochi Olimpici di Rio de Janeiro 2016 potrebbero essere l'ultima occasione di vedere in pista Usain Bolt. «Il mio ritiro? Dopo i Giochi del 2016 credo sia il momento giusto», ha detto il 27enne sprinter giamaicano, recordman di 100 e 200 metri, in conferenza stampa a Bruxelles, in Belgio, sede della tappa di Diamond League in programma venerdì prossimo. Dopo i giochi brasiliani Bolt avrà 30 anni e probabilmente dopo altre medaglie potrebbe decidere di dire basta con l'atletica.

6 ORI OLIMPICI - «Dopo Rio mi sembra il momento giusto, almeno finché sono al top della mia carriera», ha aggiunto ancora Bolt. Il giamaicano, che in carriera vanta 6 ori olimpici e 8 mondiali, gli ultimi 3 a Mosca in 100, 200 e staffetta 4x100, ha poi precisato: «Voglio continuare a dominare, non posso permettermi la minima flessione durante una stagione, questa è una lezione che ho imparato».

CARL LEWIS E I PARAGONI CON BOLT - Usain Bolt ha recentemente eguagliato a livello di medaglie mondiali il record di Carl Lewis, leggenda assoluta dell’Atletica mondiale che in questi giorni è a Milano per incontri di tipo promozionale. In questi mesi in tanti si sono chiesti chi fra il ‘figlio del vento’ e lo sprinter giamaicano sia più grande a livello assoluto: al grande Carl però questi dibattiti non interessano, Lewis appare più preoccupato per il quadro generale della disciplina: «Io cerco di guardare al quadro generale e non solo all'uomo più veloce del mondo che in questo momento è indubbiamente Usain - racconta in una lunga intervista di Sky Sport 24 - Io sono deluso del modo in cui sta andando in declino. Pietro Mennea, Michael Johnson, Sara Simeoni hanno fatto molto per il nostro sport. Poi ci sono stati gli anni Novanta, eppoi si é innescata una fase di declino, Spero che gli atleti possano fare qualcosa di grosso per lo spor e per questo dico che bisogna concentrarsi su qualcosa di più grande di quello che sia il personaggio del momento».