12 novembre 2019
Aggiornato 06:00
Bridge

L’Affare Burgay: La Prova

Mi vedo costretto a rispondere alle centinaia di persone «incredule», alle quali va la mia totale comprensione, sul fatto che non mi sia stato consegnato lo score dell’ultima serie di board, lasciandomi pertanto, ancora oggi, all’oscuro dei conteggi finali della selezione, che si giocava sul filo dell’ultimo... respiro!

In risposta a quanto apparso nei motori di ricerca.

Ringrazio ed accetto le scuse del dott. Di Tucci, male informato sui veri fatti accaduti, ma mi vedo costretto a rispondere alle centinaia di persone «incredule», alle quali va la mia totale comprensione, sul fatto che non mi sia stato consegnato lo score dell’ultima serie di board, lasciandomi pertanto, ancora oggi, all’oscuro dei conteggi finali della selezione, che si giocava sul filo dell’ultimo... respiro! La Prova Provata delle mie affermazioni è la ... sentenza della FIGB, dove si legge in proposito: a pag. 15 «meno felice ancora fu la trascuratezza che portò ad omettere la registrazione dell’ultima serie di smazzate, nonostante la precisa richiesta preventivamente fatta dal Burgay ed accolta dal C. T. » - a pag. 18 «si contrappongono efficacemente le ragioni dichiarate e riconosciute (da Firpo) per l’incontro, costituite dalla generica lagnanza per l’andamento delle selezioni e dalla richiesta di ottenere la consegna dell’ultima serie di smazzate della selezione» - ed infine a pag. 19 «sotto il profilo soggettivo non può disconoscersi che il Burgay ebbe ragioni non indifferenti per ritenere in buona fede che nei suoi confronti fosse mancata la necessaria obiettività».

OGNI COMMENTO GUASTEREBBE! Sono stato sospeso per 1 anno dal gioco per «avere diffuso la notizia all’estero», ma ciò non corrisponde al vero in quanto mi recai dal Presidente della WBF, invitato telegraficamente dallo stesso, dopo alcune dichiarazioni «improprie» sul nastro che il Prof. Firpo fece al Presidente Europeo Lemaitre, da quest’ultimo riferite al Presidente WBF J. Ortiz Patino. Conservo copia del telegramma che il Presidente Firpo inviò l’11 Maggio 1976, alle ore 10, 30 al Presidente Patino c/o Hotel de Paris a Montecarlo, che allego, in via riservata solo alla Federbridge, per il proprio archivio.
Mi auguro di aver chiarito definitivamente il «vero»accaduto, dopo 36 anni di notizie tendenziose ed imprecise e di non tornare più sull’argomento.

Leandro Burgay