3 ottobre 2023
Aggiornato 16:00
Olimpiadi di Londra 2012

Vezzali: Portabandiera? Ne sarei onoratissima

La fuoriclasse azzurra: Portare il tricolore è il sogno di ogni atleta. Da quello che si sente in giro dovrebbe essere una donna

ROMA - Valentina Vezzali, a margine della cerimonia dei Collari d'Oro e dei Diplomi d'Onore per atleti e società in relazione agli anni 2009-2011, svela il suo sogno: «Portare il tricolore è il sogno di ogni atleta ed è giusto che in tanti lo abbiano - commenta la campionessa azzurra -. Ne sarei onoratissima, non spetta a me decidere ma c'è tantissimo affetto da parte delle persone che mi vorrebbero portabandiera. Da quello che si sente in giro dovrebbe essere una donna».

100 GIORNI AL VIA - Mancano solo 100 giorni all'inizio delle Olimpiadi di Londra 2012 e la Vezzali si sta preparando al meglio: «Devo affrontare nel migliore dei modi la seconda parte di Coppa del Mondo, gli Assoluti e poi gli Europei per entrare al massimo della forma a luglio».
Infine la schermitrice azzurra fa il punto sui guai fisici che la tormentano da settimane: «Il dolore al collo? Sto facendo terapie due volte al giorno, la settimana scorsa mi sono un po' trascurata e ho avuto problemi, devo tenere la situazione sotto controllo, la maschera pesa e - conclude la Vezzali - il dolore ai Giochi potrebbe limitarmi un po'».