24 maggio 2024
Aggiornato 05:30
Primavera ciclistica

A Montefiascone la 1a tappa del Giro delle Regioni 2010

Domenica 25 aprile: la presentazione in piazza delle squadre; Lunedì 26: 139,5 km intorno al Lago di Bolsena

La prima tappa di questo 34esimo Giro delle Regioni è un doppio circuito attorno a Montefiascone, con il Lago di Bolsena a fare da splendida cornice alla corsa. Il percorso misura complessivamente 139,5 km e nei primi 70 km si effettuerà un giro completo del lago con un Gpm di terza categoria sul Passo della Montagnola, una salita non particolarmente impegnativa. Terminato questo lungo giro si ripasserà da Montefiascone per entrare in un secondo circuito più piccolo da affrontare due volte: sono circa 34 km caratterizzati dalla salita di Bolsena, che misura 5,1 km e che in entrambi i passaggi sarà valida come Gpm di seconda categoria.

Dal secondo scollinamento mancheranno appena 12,7 km all'arrivo e la strada sarà quasi interamente caratterizzata da un lungo falsopiano in discesa che renderà molto difficile il recupero da parte di chi è rimasto indietro. L'arrivo sarà posto ancora a Montefiascone, in via Orvietana. Lungo il percorso saranno tre i traguardi volanti. È una frazione adatta a corridori completi in grado di reggere bene sulle salite di media difficoltà e dotati di un discreto spunto veloce: non va sottovaluto il rischio di fughe - anche da distanza considerevole - perché il percorso è abbastanza vallonato. Ci sono infatti alcuni strappi non validi come gran premi della montagna e per il gruppo potrebbe non essere facile organizzare un inseguimento convinto.

Come arrivare a Montefiascone
Montefiascone si trova a 15 Km da Viterbo ed è situato proprio sulla S.S. Cassia (km. 98) che prosegue poi per Siena; a meno di 30 km, sulla S.S. Umbro – Casentinese 71, c’è Orvieto che funziona da collegamento con l’autostrada Firenze-Roma. In località Zepponami c’è un piccolo scalo ferroviario sulla linea Viterbo-Orvieto-Roma.

Da non perdere a Montefiascone
Oggi la Rocca dei Papi, restaurata ed abbellita, è spesso utilizzata per manifestazioni culturali. Altro monumento da visitare è la cattedrale di Santa Margherita, facilmente individuabile da ogni parte della città, vista la sua grandezza; la sua maestosa cupola è, in effetti, la terza in Italia per il diametro interno, dopo S. Pietro a Roma e S. Maria del Fiore a Firenze. Dalla Cattedrale si giunge facilmente alla Basilica romanico-gotica di San Flaviano. Sorta nell’XI secolo, è composta da due chiese sovrapposte ed orientate inversamente; la parte sottostante del 1032 è a tre navate decorate con affreschi che vanno dal XIV al XVI secolo.