13 giugno 2024
Aggiornato 04:30
FORMULA 1

Ferrari, Massa verso Istanbul: Vogliamo migliorare ancora

«In Turchia sono a mio agio, ma quest'anno serviranno i sorpassi»

ROMA - Il primo podio della stagione, ottenuto due weekend fa a Montecarlo, dà fiducia a Felipe Massa in vista del futuro del Mondiale, a cominciare dalla gara di Istanbul di questo fine settimana. «E' bello poter dire finalmente qualcosa di positivo per la prima volta in questa stagione e arrivare terzo e quarto al Gran Premio di Monaco e far segnare il giro più veloce sono due motivi validi per essere positivi. - ha detto il pilota Ferrari dal sito della scuderia di Maranello - Certamente alla Ferrari siamo abituati ad accontentarci solo di una vittoria, ma considerando come abbiamo iniziato la stagione, questo risultato è una buona ragione per essere ottimisti per le prossime gare».

Secondo il brasiliano, «la vettura ha fatto decisamente un altro passo avanti fra la Spagna e Monaco, il che significa che era ancora più competitiva sulle strade di Montecarlo. Davvero, sento di aver fatto un'ottima prestazione sin dalle prove libere del giovedì. Sfortunatamente, il traffico in pista mi ha creato dei problemi durante la qualifica, altrimenti avrei potuto partire fra i primi tre, perché con tre giri in più di autonomia di carburante rispetto agli altri sarebbe potuta andare meglio per me. L'altro aspetto che mi ha creato dei problemi - ha proseguito Massa - è che, alla fine di ogni frazione di gara, mi sono ritrovato Jenson davanti. Senza questi elementi negativi sento che avrei potuto arrivare secondo, ma cosa più importante, è stato dimostrato che ci siamo avvicinati all'andatura delle Brawn e che possiamo pensare di essere ancora più competitivi per le prossime gare».

Massa si augura che i progressi della Ferrari non si fermino qui. «Ad Istanbul faremo un ulteriore, piccolo passo avanti in termini di sviluppo aerodinamico, che dovrebbe migliorare ancora di più la vettura e che sarà d'incoraggiamento anche per i ragazzi che lavorano in fabbrica. Vogliamo continuare a migliorare il più velocemente possibile, per cercare di vincere qualche gara. Sarebbe stupendo se riuscissimo a trovarci nella condizione di lottare per la vittoria in Turchia. Detengo un buon record a Istanbul, - ha proseguito - avendo vinto negli ultimi tre anni, partendo sempre dalla pole position. E' difficile spiegare perché potrei essere così forte qui, a parte il fatto che abbiamo avuto tre ottimi fine settimana in Turchia, dove tutto è funzionato alla perfezione, con la vettura che si è comportata molto bene fin dalla prima sessione di prove. Sarebbe bello poter continuare nella stessa direzione. Mi piace il tracciato e mi sento a mio agio qui, ma è difficile definire con precisione perché questa pista si adatta meglio delle altre alle mie caratteristiche. Preferisco i tracciati veloci e mi trovo bene in tutte le curve di questo circuito, perché non è sufficiente essere veloci solo in una particolare parte del tracciato. Penso di aver trovato un modo per adattare perfettamente la vettura a questo circuito».

Quest'anno, tuttavia, per il brasiliano non sarà una gara semplice come negli ultimi anni. «Nel corso degli ultimi anni, non ho dovuto pensare più di tanto alle possibilità di sorpasso a Istanbul, visto che partivo dalla prima posizione in griglia di partenza. Quest'anno, considerando quanto sono competitivi i nostri avversari in qualifica, sarà un sabato pomeriggio davvero interessante, ma perlomeno il tracciato - ha aggiunto ancora - consente delle buone possibilità di sorpasso, specialmente sul lungo rettilineo principale. Lo scorso anno Lewis (Hamilton) ha cambiato la sua strategia a tre soste ai box ed era in grado di superarmi senza problemi».