30 ottobre 2020
Aggiornato 02:00
Qualificazione Eurobasket 2009

La Nazionale maschile di basket in Bulgaria

Recalcati: “Consci che la qualificazione pur se difficile è possibile”

Sofia. L'illuminazione quasi assente in molte strade, le poche insegne dei negozi, il grigio degli immensi quartieri periferici danno il benvenuto alla Nazionale maschile di basket a Sofia in Bulgaria.
Il lungo viaggio iniziato stamani alle 10,00 a Pescara è durato dieci ore. Appena arrivati al Metropolitan Hotel (moderno albergo in un quartiere da socialismo reale), gli azzurri hanno appena avuto il tempo di scaricare i bagagli per poi recarsi subito in una palestra secondaria per il più classico allenamento di defaticamento e scarico. Tra i quindici azzurri presenti a Pescara, non è partito per Sofia Tommaso Fantoni. Tornerà a far parte del gruppo azzurro il 3 settembre, a Varese, in preparazione della gara con la Serbia del 6 settembre.

Il morale è più che buono dopo la gara vinta con la Finlandia: «Affrontiamo questa trasferta con la consapevolezza di quelle che sono le nostre condizioni -spiega Carlo Recalcati, ct azzurro- siamo ancora in corsa per il secondo posto e la qualificazione non è facile, ma possibile. Come già detto giochiamo contro la Bulgaria, una squadra che vuole emergere, in salute e che non ha mai perso finora. Per cui... siamo serenamente vigili.»

La partita contro la Finlandia anche se archiviata è ancora argomento di riflessione: «Di certo abbiamo raccolto poco rispetto a quanto speso -commenta Recalcati- la partita andava chiusa prima, ma non ci siamo riusciti. E' vero che siamo stati sempre in testa, ma mai ad una distanza di sicurezza. Abbiamo argomenti su cui riflettere e lavorare.»

Domani venerdì 29 agosto la Nazionale si allena alle ore 17,30 locali (16,30 in Italia) alla Universiada Halle, dove il 30 giocherà alle 18,00 locali contro la Bulgaria.