30 marzo 2020
Aggiornato 19:30
Alternative alle creme solari

Pillole solari al posto delle crema: stateci alla larga, sono pericolose

In questo periodo, in vista delle prossime vacanze, sono pubblicizzate le pillole per la protezione solare, come alternativa alle creme. Ma l’FDA americana avverte che quanto affermato non corrisponde a verità

Abbronzarsi al sole proteggendosi come si deve
Abbronzarsi al sole proteggendosi come si deve Shutterstock

STATI UNITI – Per evitare scottature solari, o proteggersi dal rischio di sviluppare un qualche tumore della pelle, gli esperti consigliano di utilizzare delle protezioni quando ci si espone ai raggi solari – specie le prime volte. Il ‘rimedio’ più diffuso sono le creme solari, ma oggi, accanto a queste, vengono pubblicizzate anche le pillole, che secondo quanto affermato dalle ditte produttrici proteggono allo stesso modo delle creme. Ma la Food and Drug Administration Usa (FDA) mette in guardia dall’uso di queste pillole, poiché le affermazioni fatte dalle case produttrici non corrisponderebbero al vero.

Non proteggerebbero
Il dottor Fade Mahmoud del Banner MD Anderson Cancer Center di Mesa ha dichiarato all’emittente ABC 15 dell’Arizona di essere rimasto scioccato nel constatare come questi integratori siano facilmente accessibili e acquistabili, specie su Internet. Secondo il dottor Mahmoud, tutto questo «è molto allarmante, perché queste pillole danno un falso senso di sicurezza al paziente». L’esperto si dice altresì preoccupato, perché l’uso di queste pillole, che non proteggerebbero davvero la pelle, potrebbe portare a più casi di cancro della pelle – che sono in costante, preoccupante, aumento.

Un aumento vertiginoso
Il dottor Mahmoud sottolinea che nelle donne di età compresa tra i 18 ei 39 anni, si è assistito a un significativo aumento del numero di casi di melanoma: un aumento dell’800% dal 1970 al 2009. Purtroppo, avverte l’esperto, circa il 40% di tutti i pazienti affetti da melanoma morirà a causa della malattia. Concludendo, il dottor Mahmoud ritiene che fino a quando non sarà davvero prodotta una ‘pillola magica’ in grado di proteggere realmente la pelle dai raggi UV dannosi, la protezione solare migliore rimane ancora la crema.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal