Salute | Oculistica

La storia di Christian, il bambino nato senza occhi

E' uno dei soli 60 casi al mondo, quello di Christian che oggi ha 6 anni ed nato senza gli occhi. La sua toccante storia, fatta anche di scherno da parte degli altri

Bambino cieco
Bambino cieco (Vadim Zakharishchev | shutterstock.com)

TENNESSEE – Il piccolo Christian Buchanan è nato con un disturbo congenito molto raro. Di casi conosciuti oggi ve ne sono soltanto 60. Il suo problema si chiama disturbo del labbro e del palato di Tessier con microftalmia. Questo, oltre a causargli una malformazione del viso, lo ha fatto nascere completamente senza gli occhi. Christian oggi ha 6 anni, ed è un «bimbo prodigio», visti i risultati che ha ottenuto nella vita, nonostante l'aver anche subìto e continui a subire gli scherni e i commenti crudeli degli estranei.

Sette interventi per renderlo «più accettabile»
Da quando è nato, fin dai primi quattro giorni di vita, il piccolo Christian ha necessitato di un tubo per l'alimentazione meccanica. Il suo volto era devastato dalla deformazione, e per renderlo un po' più 'accettabile' è stato già sottoposto a sette interventi chirurgici.
Nonostante tutto questo, e la malformazione che ha pesantemente influito sul suo apprendimento e sulla possibilità di parlare, la mamma di Christian, Lacey, ritiene che suo figlio abbia comunque una vita piena, riporta il Daily Mail. «Christian è un ragazzino singolare. Sta imparando a leggere, e a lui piace lottare con il suo fratellino: tutte cose di cui ogni bambino di sei anni potrebbe godere». Che Christian stia lottando per avere una vita 'normale' lo dimostra il fatto che stia imparando a suonare il violino e stia per conquistare la cintura arancione nel karate.

Combattere lo stigma
Da quando è nato il figlio, la madre Lacey si è ritrovata a combattere contro uno stigma di cui non era a conoscenza prima, ossia quello che affligge le persone dall'aspetto diverso dagli altri. Anche lei non sapeva come gestire la cosa, e oggi è vuole far conoscere la storia di Christian per sensibilizzare le persone, nella speranza di rendere chi ha disabilità più accettabili, anche se sembrano diversi.

Le aperture di Tessier
Le fessure facciali di Tessier che affliggono Christian sono localizzate nella bocca, sulle guance, negli occhi, nelle orecchie, sulla fronte e nell'attaccatura dei capelli. La causa di questa sindrome è ancora oggi sconosciuta. Si ritiene che possa essere sia genetica che dovuta a un qualche trauma durante la gestazione. Chi nasce in questo modo può avere uno sviluppo anormale del cranio, un sottosviluppo di occhi, mascella e altri problemi. La deformità può esser più o meno grave a seconda dei casi. Il primo intervento in genere sulla respirazione e l'alimentazione, che spesso presentano problematiche più o meno serie. Nel caso della microftalmia, i bulbi oculari sono talmente piccoli che paiono inesistenti. A causa della mancanza di tessuto che forma la struttura degli occhi, si nasce con gravi problemi alla vista o la totale cecità, come nel caso di Christian.

Il caso di Christian
Raccontando del caso di suo figlio, la mamma Lacey ha detto che il suo problema sarebbe stato causato dalla sindrome della fascia amniotica. «Le fasce fibrose – ha spiegato – si possono formare nell'utero e se si attaccano al bambino spezzano il flusso di sangue, così la fascia di Christian si è attaccata al suo viso».