21 settembre 2019
Aggiornato 17:00
Cellulari e tumori

I cellulari potrebbero provocare tumori rari e anomalie cardiache. Lo studio

Secondo un recente studio l’esposizione ai campi magnetici generati dai cellulari potrebbe provocare tumori rari e anomalie cardiache

Smartphone e rischio cancro
Smartphone e rischio cancro Shutterstock

Smartphone e dispositivi elettronici dotati di tecnologia wireless che generano campi elettromagneti potrebbero aumentare il rischio di tumori rari. Ad asserirlo sono stati alcuni ricercatori americani che hanno condotti studi in merito. Tuttavia gli esperti mettono in guardia da conclusioni affrettate: al momento i risultati sono stati ottenuti su modello animale, e sono necessarie ulteriori verifiche per confermare tale tesi.

Rischio di tumori rari
Uno studio ha valutato l’esposizione alle radiazioni emesse dai telefoni cellulari e ha trovato una relazione con l’insorgenza di tumori rari nei roditori. I ratti maschi hanno sviluppato tumori al cuore se messi a contatto con le radiazioni tipicamente sfruttate dalla telefonia wireless. Tuttavia, gli animali di sesso femminile non hanno sviluppato lo stesso tipo di tumore. Gli studi tossicologici a 10 anni – secondo il National Institute of Environmental Health Sciences - rappresentano le valutazioni più complete fino a oggi sul ruolo che svolge l’esposizione alle radiazioni di radiofrequenza.

Per gli esseri umani è diverso?
Secondo John Bucher, scienziato senior del National Toxicology Program, i risultati potrebbero differire per gli esseri umani perché i ratti sono stati esposti a radiazioni più elevate rispetto agli assidui utilizzatori di smartphone. I ratti, infatti, hanno ricevuto radiazioni su tutto il corpo, per nove ore al giorno per circa due anni.

Tumori simili all’uomo
Nonostante le dosi siano più alte, gli scienziati evidenziano come i risultati ottenuti dalla ricerca siano stranamente simili ad alcuni casi di abuso di cellulari e formazioni cancerose nell’essere umano. «Sono simili ai tumori precedentemente riportati in alcuni studi di utenti frequenti di cellulari», spiega Bucher durante un’intervista a The Star. D’altro canto, sul sito del National Institute of Environmental Health Sciences si legge che ci sono prove limitate su un aumento del rischio di cancro in seguito all’utilizzo del telefono cellulare.

Schwannoma cardiaco
Durante lo studio, gli scienziati hanno rilevato l’aumentato rischio dello Schwannoma cardiaco (o Neurinoma). Si tratta di un tumore a carattere benigno che parte da particolari tipi di cellule chiamate Schwann, le quali si trovano nei nervi cranici e spinali. Per tale motivo è molto più facile trovare le masse a livello spinale. Ma reperirlo a livello cardiaco è un fatto alquanto raro e, se accade, generalmente i casi vengono riportati nelle riviste scientifiche specializzate. Al momento, la cura più innovativa per questo tipo di tumore è la chirurgia stereotassica.

Altri danni
La ricerca ha anche evidenziato un cuore danneggiato e ingrossato in seguito all’esposizione della tecnologia wireless. E questo accadeva sia nei maschi che nelle femmine di ratto. Nel 2013 la Federal Communications Commission ha richiesto commenti sull'eventuale aggiornamento degli standard statunitensi. Lo scopo era proteggere le persone dalle radiazioni dei telefoni cellulari, tuttavia tale richiesta non ha sortito alcun effetto. Secondo Jeffrey Shuren, direttore del Centro per i dispositivi e la salute radiologica della FDA, «non sono state trovate prove sufficienti del fatto che ci siano effetti nocivi sulla salute negli esseri umani causati da esposizioni dalle radiofrequenza». Insomma, prove certe non ce ne sono, ma è probabile che vi siano rischi maggiori in soggetti predisposti.