23 febbraio 2020
Aggiornato 22:00
Benefici del bergamotto

Bergamotto, il frutto ricco di antiossidanti che salva il tuo cuore

Il bergamotto è un frutto ricchissimo di antiossidanti che aiuta a prevenire malattie cardiovascolari e tumori. Ecco dove trovarlo

Somiglia a un pompelmo ma il suo colore è decisamente più intenso e l’aroma unico e inimitabile. E’ un agrume dalle caratteristiche inconfondibili e, secondo alcune teorie, deriverebbe da una mutazione genetica proveniente dal limone, arancio amaro e limetta. Ma in merito, purtroppo, non abbiamo ancora nessuna certezza. Ciò che invece si sa è che il citrus bergamia – questo il nome botanico – fu coltivato in maniera intensiva a Reggio Calabria fin dal 1750. Purtroppo, però, oggi nelle altre regioni non gode della stessa fama dei suoi cugini limone e arancia. Ed è un vero peccato perché l’agrume è ricchissimo di antiossidanti e virtù benefiche.

Protegge l’apparato cardiovascolare
Grazie alla scienza e i vari ricercatori che ogni giorno si prodigano per scoprire virtù inaspettate degli alimenti che mettiamo nelle nostre tavole, oggi sappiamo che il bergamotto è un grande amico della nostra salute. In particolare per quanto riguarda l’apparato cardiovascolare. Non a caso è stato oggetto di discussione durante il 78° congresso nazionale della Società italiana di Cardiologica recentemente tenuto a Roma. Nello stand di «Citrus – L’Orto italiano» sono intervenuti diversi cardiologici che hanno esposto le sue incredibili virtù.

Ricchissimo di antiossidanti
Il bergamotto è un agrume ricchissimo di antiossidanti – in particolare flavonoidi – e sembra aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. «Il succo del bergamotto presenta un’elevata concentrazione di bioflavonoidi – ha spiegato il prof. Vincenzo Montemurro, membro del Consiglio direttivo del SIC – e dal suo succo sono stati estratte strutture analoghe alle statine, i farmaci inibitori del colesterolo. Dunque consigliamo a chi soffre di ipercolesterolemia di bere quotidianamente una spremuta di bergamotto, eventualmente mescolata con una spremuta di arancia che ne mitiga l’asprezza».

Ottimo anche per i diabetici e i fumatori
Tutti gli agrumi possiedono flavonoidi, composti dalle caratteristiche – oltreché antiossidanti – anche vasoprotettive e antinfiammatorie, «ma nessun agrume ne ha una concentrazione così ricca – ha sottolineato ancora Montemurro – per cui il consumo di bergamotto è consigliato anche a diabetici, obesi, ipertesi, a chi soffre di epatopatie, a fumatori. Si tratta di un «farmaco naturale» ben conosciuto come salva-cuore».

Perché ne troviamo così poco?
Se il bergamotto è un frutto così salutare c’è da chiedersi perché nei supermercati si trova così raramente. Il problema è che «il 90% della produzione va all’industria cosmetica – ha chiarito Ezio Pizzi, Presidente del Consorzio del Bergamotto – e il 10% in frutterie, ma la crescita dei consumi cresce a livelli esponenziali ogni anno. Oggi vengono commercializzati 20 mila quintali annui di frutto fresco per un valore di circa 3 milioni di euro. Oltre che gustato come frutto, viene consumato anche per spremute, infusi, o come aromatizzante o in marinatura in gastronomia. Ricordiamo anche che si tratta di una DOP a filiera controllata O.P. riconosciuta dal Ministero dell’Agricoltura».

Come si utilizza
E’ ottimo nelle spremute, nei patiti tipici alternativi come il cous cous o per insaporire piatti di pesce grattugiandone la buccia, secondo i dettami della «Cucina POP» di Davide Oldani. L’azienda Citrus – grazie alla quale troviamo i bergamotti nei supermercati italiani -  insieme a Davide Oldani, collabora allo sviluppo di una nuova linea premium condividendo l’amore per il mondo degli agrumi e i principi di una sana e corretta alimentazione. Il frutto sembra anche essere un buon preventivo nella lotta contro i tumori. Non a caso Davide Oldani è da tempo impegnato a sostenere la ricerca scientifica di Fondazione Umberto Veronesi. Mentre Citrus destina parte degli introiti per finanziare la ricerca scientifica di Fondazione Umberto Veronesi. «Questa nuova proposta è diretta a tutti coloro che non conoscono il bergamotto e desiderano essere accompagnati in questa esperienza gustativa con una proposta d’uso – ha spiegato Marianna Palella, Ceo di Citrus – Piacerà ai tanti che scelgono di dedicare del tempo per sé stessi e il proprio benessere fisico».

Scegli quello non trattato
Nella scelta di un buon bergamotto è essenziale prediligere quello non trattato, cioè esente da sostanze estranee nella sua superficie. La buccia, infatti, è ricca di fibra, calcio, potassio, vitamina C, limonoidi e limonene. Da anni Citrus – L’orto italiano, sta svolgendo una campagna per sensibilizzare ed educare i consumatori ad utilizzare la scorza degli agrumi. Sostenendo la ricerca scientifica specie nel campo della nutrigenomica, la scienza che negli ultimi anni ha rivelato l'azione di certi alimenti sui nostri geni per prevenire l'insorgenza di alcune malattie.

Dove trovare i bergamotti
Visitando il sito di Citrus è possibile ottenere l’elenco dei supermercati più vicini a te che vendono questo meraviglioso frutto.