Alimentazione sana

Primavera: più energia, salute e forma fisica con i pistacchi

I pistacchi sono ricchi di antiossidanti e preziosi elementi che offrono energia, aiutano a mantenere il peso forma e migliorano l’umore. Come usarli e la ricetta per preparare degli gnocchi golosi

I benefici dei pistacchi
I benefici dei pistacchi (Dionisvera | Shutterstock)

La primavera è una vera e propria battaglia con la nostra mente e il nostro fisico. Ci sentiamo stanchi, svogliati e depressi. A tutto ciò si aggiunge anche qualche chiletto di troppo conquistato nei mesi invernali, feste comprese. Dobbiamo quindi riiniziare a trovare salute e forma fisica cambiando il nostro stile di vita: più attività fisica e migliore alimentazione.

Pistacchi per il sopperire al calo energetico e all’aumento dello stress
«Quando si fa sport non deve mai mancare un adeguato consumo di frutta a guscio come noci, mandorle e pistacchi. Senza appesantire la digestione, i pistacchi in particolare sono una buona fonte di energia soprattutto quando sentiamo di avere un calo energetico e un aumento dello stress perché forniscono, oltre ai grassi buoni come gli Omega 3, anche minerali come il magnesio, importante da assumere naturalmente quando aumenta la tensione agonistica», spiega Evelina Flachi, Nutrizionista e Specialista in scienza dell’Alimentazione. «Con limitate quantità di frutta a guscio come i pistacchi, possiamo avere a disposizione una buona quota di energia e di minerali, quali potassio e magnesio oltre che di vitamine come la B1, B6 e PP, che contribuiscono ad aumentare la resistenza e l’energia muscolare durante l’attività sportiva. Inoltre ricordiamo che i pistacchi forniscono, con le proteine, quegli aminoacidi essenziali utili al recupero muscolare dopo lo sforzo dell’atleta».

Anche i campioni usano i pistacchi per star meglio
Chi fa sport agonistico, più di altri sa quanto sia essenziale una buona alimentazione nella ripresa dello sforzo fisico e nel miglioramento delle proprie prestazioni. La frutta secca è sempre stata in pole position nell’alimentazione dei professionisti perché apporta oli vegetali e sostanze antiossidanti indispensabili al nostro benessere. Ben lo sa anche Maurizia Cacciatori, campionessa italiana di Pallavolo che dichiara: «Adoro in generale tutta la frutta secca, l’ho sempre utilizzata durante la mia carriera sportiva tra un set e l’altro di una partita. Golosissima di pistacchi nello yogurt bianco, sono anche un must per i miei bambini».

Le regole del benessere

  1. Non saltare le proteine. Alcune ricerche hanno dimostrato che mangiare proteine ​può essere utile per il recupero muscolare se consumate dopo un intenso esercizio fisico. L’ Academy of Nutrition and Dietetics suggerisce un ‘rifornimento’ di energia con un mix di proteine ​e carboidrati da 15 a 20 minuti dopo l’allenamento, in modo da supportare una riparazione muscolare ottimale e il recupero, e per ricostituire le scorte di glicogeno muscolare.
  1. Antiossidanti a volontà. L’attività fisica a volte può causare danni o dolori muscolari da stress ossidativo e infiammazione. Questo può portare a un calo dell’attività muscolare e ritardare il recupero. Ricerche emergenti suggeriscono che gli antiossidanti possono aiutare nella fase di recovery. I pistacchi sono una fonte naturale di antiossidanti luteina, β-carotene e γ-tocoferolo.
  1. Più potassio! Il potassio è un importante elettrolita che svolge un ruolo fondamentale nelle normali funzioni del corpo, come quella nervosa e muscolare. Quindi, deficit di potassio possono portare il muscolo a indebolirsi. I pistacchi sono una fonte di potassio, soli 28 grammi ne contengono più di mezza banana!
  1. Meno calorie, più benefici - I pistacchi sono meno calorici di noci, mandorle e altra frutta a guscio e contengono una più alta percentuale di acidi grassi monoinsaturi; La loro ricchezza in fibre e proteine tendono a favorire il senso di sazietà e a mantenere costante il livello di glucosio nel sangue. Provali anche come ingrediente di ricette veloci come hummus e cracker integrali, salsa di mele e formaggio light oppure un uovo sodo con del pane integrale.

Una ricetta golosa
E per concludere in bellezza, una ricetta golosa proposta dall’American Pistachio Growers l’associazione che rappresenta i coltivatori di pistacchio americano e ne promuove i benefici nutrizionali. Secondo la nutrizionista Evelina Flachi, si tratta di un «ottimo piatto unico dal buon valore energetico e anche facilmente digeribile. Il tradizionale pesto con aggiunta di pistacchi fornisce un buon apporto di minerali benefici».

Gnocchi al pesto di pistacchi
Gnocchi al pesto di pistacchi (Ufficio Stampa Noesis)


Gnocchi di patate con pesto di pistacchi e basilico di Ethan Stowell
Ingredienti per 4:

Per il pesto di pistacchi e basilico

2 tazze di foglie di basilico fresche, a mazzetti

1 tazza di pistacchi americani sgusciati, tostati

4 spicchi d’aglio, sbucciati

1 tazza di olio extra vergine di oliva

½ tazza di parmigiano reggiano grattugiato fresco

Sale e pepe

Per gli gnocchi di patate

900 g di patate russet, lavate

4 Grossi tuorli d’uovo

2 tazze di farina non sbiancata

2 cucchiai di sale

di olio extra vergine di oliva

Procedimento:
Preriscaldare il forno a 180 °C.

Per il pesto di pistacchi e basilico:
Disporre il basilico, i pistacchi e gli spicchi d’aglio in un robot da cucina; frullare fino a ottenere una purea irregolare. Aggiungere olio extra vergine di oliva e continuare a frullare finché l’olio, il basilico e i pistacchi sono tutti amalgamati in una purea omogenea. Trasferire la salsa in una ciotola grande; unire il formaggio e aggiustare di sale e pepe. Mettere da parte.

Per gli gnocchi di patate:
Spennellare leggermente ogni patata con olio extra vergine di oliva. Avvolgere ogni patata in un foglio di alluminio e cuocere in forno finché non diventa tenera, per circa un’ora. Quando le patate sono abbastanza tiepide da poterle maneggiare, sbucciarle e passarle in un passino o in uno schiacciapatate in modo da produrre circa 3 tazze di purea di patate. Su una superficie da lavoro pulita, disporre la purea di patate a fontana con un buco al centro. Nel buco, mettere i tuorli delle uova, 2 tazze di farina e sale. Impastare tutti gli ingredienti e spargere la superficie da lavoro con altra farina per evitare che l’impasto si attacchi.

Una volta formato l’impasto di patate, continuare a impastare fino a farlo diventare liscio e uniforme, senza uova o farina separati. Mantenendo la superficie da lavoro e l’impasto leggermente infarinati, tagliare l’impasto in 4 pezzi uniformi. Con le mani, arrotolare ogni pezzo in un cordone del diametro di circa 1 cm. Con un coltello, tagliare il cordone a formare quadrati da 1 x 1 cm. Spolverare gli gnocchi con la farina e continuare finché tutto l’impasto non è stato tagliato. Eliminare gli eventuali gnocchi di forma irregolare, poiché non cuocerebbero in modo omogeneo. Disporre gli gnocchi su una teglia leggermente infarinata fino al momento di cuocere e servire.

Far sobbollire l’acqua in una grande pentola. Versare gli gnocchi nell’acqua, dividendoli in più gruppi se necessario, e cuocerli finché non emergono sulla superficie dell’acqua, per circa 1-2 minuti. Togliere gli gnocchi dall’acqua e disporli in una grande ciotola da portata. Versare la salsa di pistacchi e basilico a piacimento, aggiustare di sale e pepe e servire il piatto ancora caldo con parmigiano reggiano grattugiato fresco a parte.