23 marzo 2019
Aggiornato 13:30

Pompelmo: un pieno di benefici per la tua salute, ma attenzione all’interazione con i farmaci

Cosa accade al tuo corpo quando assumi del succo di pompelmo? Esso è in grado di aumentare l’effetto della maggior parte dei farmaci e dei nutrienti. Attenzione ai rischi ed effetti collaterali dovuti alla sua interazione

Pompelmo: interazioni con farmaci
Pompelmo: interazioni con farmaci

Non è un frutto come molti pensano, ma una bacca. Forse un po’ grandina, ma pur sempre una bacca. Sebbene appartenga alla folta famiglia del genere Citrus, non si tratta affatto di una pianta naturale, bensì di un incrocio molto antico, probabilmente tra il pomelo e l’arancio dolce. Un’altra particolarità del pompelmo è che è praticamente l’unico frutto del genere che non proviene dall’Asia, ma dall’America Centrale. Nonostante non si abbiamo dati certi della sua origine e ibridazione, una cosa è certa: è ricchissimo di proprietà benefiche.

Da dove viene il pompelmo rosa?
Se il pompelmo classico è un ibrido, ci sarebbe da chiedersi quale magia possa aver reso possibile la formazione di un’ulteriore varietà: il pompelmo rosa. Il suo particolare colore pare derivi da una coltivazione del Texas che, nel 1929, pare abbia subìto una mutazione spontanea in seguito stabilizzata con irraggiamento di neutroni lenti. Il risultato pare fosse particolarmente apprezzato dalle persone, tant’è vero che oggi si stanno cercando di creare ibridazioni più rosee e dolci grazie all’arancio moro. Le varietà Rio Star (Star Ruby e Rio Red) sono invece state ottenute tramite l’esposizione a radiazioni ionizzanti.

Migliora la glicemia e favorisce la perdita di peso
Un recente studio pubblicato sul Journal of Medicinal Food ha analizzato l’effetto del consumo di pompelmo nei soggetti affetti da sindrome metabolica. Dai risultati è emerso che i pazienti affetti da tale disturbo hanno mostrato una significativa perdita di peso sia con l’estratto di pompelmo che con l’assunzione del succo. Inoltre, è migliorata la secrezione di insulina nel post glucosio, rispetto al gruppo placebo. Inoltre, la metà di un pompelmo fresco consumato prima dei pasti è stata associata a una significativa perdita di peso. Nell’estratto dello studio si legge che: «Nei pazienti con sindrome metabolica l’effetto è stato osservato anche con prodotti a base di pompelmo. La resistenza all’insulina è stata migliorata solo con il pompelmo fresco. Sebbene il meccanismo di questa perdita di peso è sconosciuta sembrerebbe ragionevole includere il pompelmo in una dieta volta alla riduzione di peso».

Previene le malattie cardiovascolari
Un ulteriore studio, pubblicato su Metabolism, non ha osservato grandi cambiamenti sotto il profilo lipidico nei pazienti affetti da colesterolo, tuttavia «i miglioramenti della pressione arteriosa e dei lipidi dimostrati nel gruppo di intervento suggeriscono che il pompelmo deve essere ulteriormente valutato nel contesto dell’obesità e prevenzione delle malattie cardiovascolari».

I benefici del pompelmo
I benefici del pompelmo (Baibaz | Shutterstock)

Attenzione però alle interazioni
Il lato oscuro del pompelmo è la sua peculiarità di aumentare notevolmente gli effetti di un farmaco, se assunto in maniera troppo ravvicinata. Inoltre la sua assunzione può alterare la farmacocinetica di alcuni medicinali. Tra questi ricordiamo che il consumo concomitante con sildenafil, tadalafil o vardenafil per la disfunzione erettile potrebbe causare grave vasodilatazione sistemica. Più grave il rischio se si assume ergotamina – utilizzato nel trattamento dell’emicrania – in quanto può dar luogo a ictus. Mentre alcuni antiipertensivi come la nimodipina possono causare ipotensione sistemica «Sebbene la risposta farmacologica alterata è variabile tra gli individui – si legge in uno studio pubblicato sull’American Journal of Cardiovascular Drugs - Springer - il risultato è difficile da prevedere ed evitare la combinazione garantirà che la tossicità non si verifichi. Gli anziani sono particolarmente a rischio, in quanto spesso assumono molti farmaci e consumano succo di pompelmo». In sostanza, ricordiamo che l’uso del pompelmo e dei suoi derivati inibisce il citocromo epatico CYP3A4 (complesso enzimatico), sostanza responsabile dell’elaborazione di molti farmaci. Ne consegue che i livelli plasmataci dei principi attivi del farmaco non vengono bloccati – a causa di un rallentamento della metabolizzazione – e si assiste a una sorta di sovradosaggio.

Pericolo statine
Una ricerca ha valutato gli effetti del consumo di succo di pompelmo insieme ai tre tipi di statine più utilizzate a livello farmacologico. Dai risultati è emerso che il succo di pompelmo assunto contemporaneamente aumenta del 260% i livelli ematici di simvastatina e lovastatina. Se si assume a distanza di 12 ore, l’aumento è comunque elevato: del 90%. Mentre con l’atorvastatina si registra un aumento dell’80%, anche se assunta contemporaneamente. C’è però un lato apparentemente positivo: i livelli di LDL vengono diminuiti circa del 37% assumendo Simvastatina (40 mg), lovastatina (40 mg) o atorvastatina (10 mg). Se vengono presi con il succo di pompelmo la riduzione del colesterolo arriva al 48%. Riducendo notevolmente anche il rischio ischemico e malattie cardiache del 70% (contro i 60% della sola statina). Anche a dodici ore di distanza è comunque registrato un aumento fino al 66%. Mentre il rischio rabdomiolisi (rottura delle cellule del muscolo scheletrico e relativo rilascio nel flusso ematico) tipico dell’assunzione delle statine non viene alterato negativamente. A detta dei ricercatori, quindi, sarebbero maggiori i benefici dei rischi. Per tale motivo «il succo di pompelmo non deve essere sconsigliato in persone che assumono le statine».

[1] J Med Food. 2006 Spring;9(1):49-54. The effects of grapefruit on weight and insulin resistance: relationship to the metabolic syndrome. Fujioka K1, Greenway F, Sheard J, Ying Y.

[2] Metabolism. 2012 Jul;61(7):1026-35. doi: 10.1016/j.metabol.2011.12.004. Epub 2012 Feb 2. The effects of daily consumption of grapefruit on body weight, lipids, and blood pressure in healthy, overweight adults. Dow CA1, Going SB, Chow HH, Patil BS, Thomson CA.

[3] Nutr Metab (Lond). 2011; 8: 8. Published online 2011 Feb 2. doi:  10.1186/1743-7075-8-8 PMCID: PMC3039556 Effects of grapefruit, grapefruit juice and water preloads on energy balance, weight loss, body composition, and cardiometabolic risk in free-living obese adults Heidi J Silver,corresponding author1 Mary S Dietrich,2 and Kevin D Niswender3,4

[4] Am J Cardiovasc Drugs. 2004;4(5):281-97. Interactions between grapefruit juice and cardiovascular drugs. Bailey DG1, Dresser GK.

[5] Am J Med. 2016 Jan;129(1):26-9. doi: 10.1016/j.amjmed.2015.07.036. Epub 2015 Aug 20. Grapefruit Juice and Statins. Lee JW1, Morris JK1, Wald NJ2.

[6] Clin Pharmacol Ther. 2000 Oct;68(4):384-90. Duration of effect of grapefruit juice on the pharmacokinetics of the CYP3A4 substrate simvastatin. Lilja JJ1, Kivistö KT, Neuvonen PJ.