4 dicembre 2021
Aggiornato 02:00
Benessere

Sindrome da rientro, ecco i cibi che tirano su l’umore e il fisico

La cosiddetta sindrome da rientro colpisce molte persone alla ripresa del lavoro o della routine quotidiana. Dagli esperti i consigli per combattere il malumore, la malinconia, la stanchezza e l’irritabilità a tavola

ROMA – Capita a molti: si è tornati dalle vacanze – magari anche già da un po’ – e ci si ritrova a pensare alla villeggiatura come un lontano ricordo. E così, non si sa bene perché, ci si sente stanchi sia mentalmente e fisicamente. Il tutto accompagnato da malumore, malinconia… E’ la cosiddetta ‘sindrome da rientro’, che colpisce anche dopo un po’ di tempo molte persone. Ma forse c’è un modo per rimediare in modo semplice e piacevole: con i 5 cibi che ci danno una spinta.

Ritrovare il buonumore
Se dunque ci si sente un po’ giù, ecco dagli esperti di Cortilia, il primo mercato online di prodotti agricoli, i consigli per ritrovare il buonumore a tavola.
- Uova
Vero e proprio concentrato di energia, le uova sono ricche di vitamine D, E, zinco e Omega 3. Non solo: un uovo contiene ben il 20% della quantità giornaliera ideale di triptofano, l’amminoacido indispensabile per la sintesi della serotonina, anche conosciuta come ‘ormone del buonumore’. Per iniziare la giornata con sprint e allegria, insieme a cornetto e cappuccino la colazione ideale è composta da un frutto e da una porzione di uova. Strapazzate, all’occhio di bue, sode o alla coque, sono un alimento versatile e veloce da preparare, che contribuisce a una dieta sana ed equilibrata.

Spinaci
Fin da piccoli, gli spinaci sono stati per tutti sinonimo di forza prorompente. Quello che forse non tutti sanno è che il verde degli spinaci, e più in generale di tutte le verdure a foglia verde, sono un ottimo rimedio anche quando si è giù di morale. L’alto apporto di vitamine e sali minerali, unito all’acido folico, contribuiscono a rafforzare il sistema immunitario, favoriscono la produzione di globuli rossi e aiutano a combattere gli stati depressivi. Nelle giornate di fine estate in cui magari il caldo si fa ancora sentire, una fresca insalata può essere il pasto ideale per portare l’allegria a tavola e fuori. Da non dimenticare poi l’olio essenziale di basilico, profumatissimo antisettico che agisce contro mal di testa e spossatezza.

- Mele
Se è vero che il comfort food, comunemente inteso come cibo fritto e ricco di grassi, appaga il palato nell’istante in cui viene consumato, è altrettanto vero che sul lungo termine porta a un aumento del rischio di depressione e nervosismo. Meglio perciò affidare felicità (e benessere) ai nutrienti della frutta. E come suggerisce la saggezza popolare, la mela è un vero toccasana capace di combattere anche la malinconia da rientro post vacanze. Combinazione insolita e golosa, l’abbinata mela-burro d’arachidi unisce i carboidrati a una piccola quantità di grassi per ottimizzare l’assorbimento delle energie.

- Pesche
Se non bastasse il semplice colore del sole per portare in tavola l’allegria, a risollevare l’umore ci pensano potassio, fibre e vitamine contenuti nei frutti gialli e arancioni. In particolare, il calcio e il magnesio contenuti all’interno di pesche e albicocche sono in grado di riequilibrare gli sbalzi ormonali e risultano quindi molto utili per combattere tristezza e suscettibilità. E per chi è stanco delle solite macedonie e crostate, perché non provare un’insalata di Quinoa con pesche, albicocche e ciliegie? Fresca, colorata e veloce da preparare, è quello che ci vuole per respirare ancora un po’ d’aria di vacanze.

- Pomodori
Che siano preziosi alleati della salute è risaputo: forse, però, non tutti conoscono il ruolo dei pomodori nella lotta contro le sindromi depressive. Gli antiossidanti di cui sono ricchi, infatti, contribuiscono a mantenere alte le difese immunitarie dell’organismo, fondamentali per l’equilibrio dello stato emotivo. Via libera, dunque, alla tradizionale dieta mediterranea. Per chi non rinuncia a far festa, ma non vuole ripetere i bagordi estivi, la soluzione è un Bloody Mary analcolico con pomodoro e lime.