21 settembre 2020
Aggiornato 17:30
Tumori

Fa sesso e scopre di avere un cancro alle ovaie

La vicenda di Ellie Taylor-Davis, 28 anni, che scopre dopo un rapporto sessuale di avere un tumore canceroso di 16 centimetri nelle ovaie che le stava comprimendo gli organi interni

LONDRA – A volte fare sesso può salvare la vita. È il caso di Ellie Taylor-Davis, una ragazza londinese di 28 anni che ha scoperto di avere un tumore maligno alle ovaie dopo aver avuto un rapporto sessuale con il suo ragazzo. Il cancro ovarico di 16 cm, dalla curiosa forma di «alieno», le poi è stato asportato dai medici.

Un fastidio sospetto
A mettere in allarme Ellie è stato un fastidio al basso ventre, come un qualcosa che le si muoveva dentro. Questo disagio le è continuato per diverso tempo, specie poi quando andava in bagno. Cercando informazioni online, la ragazza attribuì il problema a una questione di costipazione. Ma le cose purtroppo non stavano così.

La visita per altri motivi, ma provvidenziale
A porre fine ai dubbi, è stata la visita con il proprio ginecologo il mese successivo, fatta però per farsi impiantare una spirale contraccettiva. Durante la sessione medica, il ginecologo ha scoperto che c’era qualcosa che non andava. Prescritta un’ecografia urgente, questa ha rivelato la presenza di un tumore di ben 16 centimetri che comprendeva ovaie e addome, e che stava comprimendo gli organi interni.

Un avvertimento per tutte le donne
Ellie Taylor-Davis ha deciso di condividere la sua storia affinché tutte le donne non prendano sottogamba eventuali sintomi sospetti che si manifestino nell’addome e nella zona urogenitale. «Non sarei mai stata consapevole del fatto che qualcosa non andava e non avevo sentito la cisti cancerosa durante il sesso, mi ha salvato la vita e io sono molto fortunata a essere qui – scrive Ellie – Ho sentito qualcosa muoversi dentro di me e ho pensato che fosse davvero strano. Dopo il sesso mi sono resa conto della insolita grande massa estranea nel mio basso ventre, ho cercato su Google i sintomi, ma mi convinsi che non poteva essere un cancro. Poco dopo, quando il mio ginecologo stava per montare la spirale notò una massa e mi ha chiesto di fare un test di gravidanza – dopo che è risultato negativo mi prescritto l’ecografia ed ero davvero preoccupata».

Un terrore da 16 centimetri
«Quando i medici mi hanno detto che l’ecografia evidenziava una massa cancerosa di 16 centimetri nelle mie ovaie ero veramente terrorizzata – racconta ancora Ellie – Dopo mi hanno detto che poteva essere un cancro ho strisciato fino al letto incapace di chiamare mia mamma, il mio fidanzato o gli amici, e rimasi lì per cinque ore completamente devastati: alla mia età non pensi mai che si possa sviluppare un cancro ovarico. Ero così scioccata da quanto enorme fosse, io sono una persona minuta: una massa di 16 centimetri era come le dimensioni di un bambino dentro di me e non so cosa sia stato davvero più scioccante». La ragazza è poi stata operata, il tumore è stato rimosso senza la necessità di radioterapia e ora, per fortuna, è in remissione.