28 settembre 2020
Aggiornato 21:00
Dal Cnr di Palermo un nuovo trattamento per l’Alzheimer

Alzheimer, arriva uno spray che lo combatte

Insulina e nanoparticelle inviate direttamente al cervello con il nuovo metodo spray nasale sviluppato dal dal Cnr di Palermo per combattere la malattia di Alzheimer

PALERMO – Arriva dall’Ibim-Cnr (Istituto di Medicina e Immunologia molecolare - Consiglio nazionale delle ricerche) in collaborazione con l’Università del Studi di Palermo, lo spray nasale che attraverso nanoparticelle polimeriche veicola l’insulina direttamente al cervello, al fine di combattere la malattia di Alzheimer.

Come i diabetici
La malattia di Alzheimer è conosciuta anche come diabete di tipo 3. Questo perché, come i diabetici, si sviluppa una resistenza all’insulina – in questo caso, cerebrale. La condizione è considerata un fattore di rischio per l’insorgenza della malattia neurodegenerativa.

Un ormone che fa il suo lavoro
L’insulina spray ha dimostrato di fare il suo lavoro. Si è infatti dimostrata capace di migliorare le facoltà cognitive nei pazienti con Alzheimer, inibendo il tipico meccanismo di neurodegenerazione. «Abbiamo creato dei nanogels capaci di incorporare, proteggere e veicolare l’insulina direttamente al cervello (NG-In)», spiega Marta Di Carlo dell’Ibim-Cnr.

Una terapia promettente
I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Biomaterials, sono incoraggianti e i ricercatori ritengono che questa sia una «promettente terapia innovativa per l’Alzheimer». L’innovativo sistema di somministrazione del farmaco, tramite la mucosa olfattoria riesce ad aggirare la barriera ematoencefalica (Bee), in modo da arrivare più velocemente al cervello.