18 settembre 2020
Aggiornato 22:30
focus sulle malattie infettive

Hiv-Aids, i nuovi dati dall’Iss per la giornata mondiale dell’Aids

In occasione della Giornata Mondiale per la lotta all’Aids del 1 dicembre 2015, i nuovi dati e le iniziative come Telefono Verde AIDS e Infezioni Sessualmente Trasmesse e un sito web dedicato

ROMA – Nel 2014, troppi italiani hanno scoperto di essere siero positivi. Secondo i dati del Centro Operativo AIDS (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità, nel 2014 ci sono state oltre tremila persone in Italia che hanno scoperto di essere positive all’HIV. Ancora troppi, considerando che non è stata registrata nessuna diminuzione negli ultimi tre anni.

Le regioni più colpite
Le regioni che hanno mostrato un’incidenza maggiore sono state la Lombardia, il Lazio e l’Emilia Romagna. La nostra Penisola, si colloca al dodicesimo posto nell’Unione Europea.

Più uomini intorno ai 40 anni
Sembra che il virus ami particolarmente l’universo maschile che ai attesta all’80% dei casi nel 2014. La loro età media è di 39 anni. Tuttavia è bene dire che la fascia di età maggiormente colpita, è risultata essere quella delle persone di età compresa fra i 25 e i 29 anni (15,6 nuovi casi ogni 100mila residenti).

La colpa? E’ quasi sempre dei rapporti sessuali non protetti
L’84% delle infezioni da HIV sono dovute a rapporti sessuali non protetti. Ecco il motivo per cui l’utilizzo del preservativo sarebbe da preferire, specie nei casi di rapporti promiscui.

Dopo la diagnosi, la terapia antiretrovirale
Secondo uno studio condotto su 12 Centri Clinici di Malattie Infettive, è emerso che in Italia il 90,9% delle persone diagnosticate con infezione da HIV è seguita presso i centri clinici di malattie infettive. La maggior parte di questi, il 92,6% è in terapia antiretrovirale, la cui stragrande maggioranza ha ottenuto la soppressione virale.

1 dicembre, Giornata Mondiale per la Lotta all’AIDS
Il prossimo 1 dicembre 2015, il «Telefono Verde AIDS e Infezioni Sessualmente Trasmesse» dell’ISS sarà attivo dalle ore 10.00 alle ore 18.00 a livello nazionale e internazionale, attraverso il contatto Skype «uniticontrolaids».

Un servizio specialistico anonimo e gratuito
Il Servizio, anonimo e gratuito, si avvale molti specialisti (medici, psicologi, esperti della comunicazione) che rispondono durante l’anno in italiano, inglese e francese, dal lunedì al venerdì, dalle ore 13.00 alle ore 18.00. Inoltre, un consulente in materia legale è presente il lunedì e il giovedì dalle ore 14.00 alle ore 18.00. Il numero verde è 800.861.061

Un sito con tutti gli aggiornamenti
Dal primo dicembre, sarà on line il sito web www.uniticontrolaids.it che con un linguaggio semplice e diretto fornirà informazioni scientifiche, complete e aggiornate sull’HIV, sull’AIDS e sulle Infezioni Sessualmente Trasmesse.