6 aprile 2020
Aggiornato 00:30
Salute | Protesi Pip

Libero su cauzione Jean-Claude Mas

Il fondatore della Pip è accusato di lesioni colpose. L'azienda PIP (Poly Implant Prothese) avrebbe prodotto migliaia di protesi mammarie con materiali inadeguati e al di sotto degli standard richiesti

MARSIGLIA - Il fondatore dell'azienda di protesi mammarie Pip, Jean Claude Mas, arrestato ieri mattina nel sud della Francia , è stato posto sotto controllo giudiziario dietro il versamento di una cauzione di 100mila euro. Lo ha precisato il suo legale Yves Haddad dopo oltre due ore di audizione. Mas, 72 anni, è stato accusato formalmente di lesioni colpose.
L'azienda PIP (Poly Implant Prothese) avrebbe prodotto migliaia di protesi mammarie con materiali inadeguati e al di sotto degli standard richiesti, con un'alta probabilità di rottura dell'involucro, un'elevata possibilità di infiammare i tessuti e il rischio di provocare un tumore al seno. Nel mondo sarebbero tra 400 e 500mila le donne con protesi Pip, in Francia 30mila, in Italia 4.300.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal