21 novembre 2019
Aggiornato 11:00

Franceschini davanti al barcone naufragato e trasformato in opera d'arte: «Recuperiamo l'umanità»

Così il Ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini a Venezia, davanti a un barcone naufragato nel Mediterraneo nel 2015 e poi trasformato in opera d'arte

Video Agenzia Vista

VENEZIA - «Il nostro Paese, dopo mesi di odio, deve recuperare i valori che lo hanno reso grande nel mondo, i valori della solidarietà e dell'umanità». Il ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini, a Venezia per la Biennale d'Arte contemporanea, posta su Twitter un video girato davanti all'opera dell'artista svizzero Christoph Buchel «che ha trasformato in opera d'arte il simbolo delle tragiche vicende del Mediterraneo».

«Simbolo delle morti di migranti»

Si tratta del barcone che affondò nel 2015, «morirono tra 800 e mille migranti, si salvarono solo in 28. L'allora Presidente del Consiglio Matteo Renzi adottò la decisione intelligente di recuperarlo in fondo al mare per farlo diventare un simbolo delle morti di migranti nel Mediterraneo. Credo che proprio qui davanti si debba dire che ora il nostro Paese, dopo mesi di odio, deve recuperare i valori che lo hanno reso grande nel mondo, i valori della solidarietà e dell'umanità».