17 ottobre 2019
Aggiornato 12:00

Meloni: Scenario «Ursula» di Prodi fa venire i brividi

Il Presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni: «Siamo l'unico movimento politico sulle cui scelte dei prossimi giorni non ci sono congetture»

Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d'Italia
Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d'Italia ANSA

ROMA - «La novità del giorno che emerge dalla stampa è l'ipotesi di un 'governo istituzionale' sostenuto da Pd, M5S e Forza Italia. Il tutto con la benedizione di Romano Prodi. È uno scenario che fa venire i brividi e che riproporrebbe in Italia la stessa grande ammucchiata che in Europa ha portato all'elezione di Ursula Von Der Leyen alla presidenza della Commissione europea. A Bruxelles Fratelli d'Italia non ha partecipato a questo patto del Nazareno allargato al M5S e non intende assolutamente farlo qui in Italia».

Meloni: «Serve un Governo sovranista»

«In questa crisi di governo dai contorni grotteschi, nella quale tutti dicono tutto e il suo contrario, gli italiani hanno una sola certezza: Fratelli d'Italia. Siamo l'unico movimento politico sulle cui scelte dei prossimi giorni non ci sono congetture. Perché noi siamo sempre, graniticamente, dalla stessa parte, e non regaliamo sorprese. Per noi l'unico governo possibile è un governo sovranista legittimato dagli italiani». È quanto dichiara il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

«Abbiamo Trenta motivi validi per tornare al voto»

«Un Ministro della Difesa che, invece di difendere l'Italia e i confini italiani, si appella all'umanità della politica per far entrare la Open Arms in acque territoriali e spingere per lo sbarco degli immigrati: abbiamo Trenta motivi validi per tornare al voto». Lo ha scritto su Twitter il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

Quagliariello: «Rilanciare alleanza con la Lega»

«Al punto in cui siamo, è evidente che è stato commesso un errore tattico, e del resto sembra essercene consapevolezza da parte della stessa Lega. E' altrettanto evidente, tuttavia, che per chi intende costruire un centrodestra nuovo e saldamente ancorato nel proprio orizzonte ideale questo è più che mai il momento di stare accanto a Salvini e al suo partito e di rivendicare con forza le ragioni di un'alleanza». Lo dichiara il Senatore, Gaetano Quagliariello, leader di «Idea» e membro del comitato promotore di «Cambiamo».

«Serve una spinta positiva»

«L'errore commesso e le conseguenze che ne stanno derivando - prosegue - hanno infatti chiarito come non possa esistere una categoria del cambiamento che prescinda dall'ancoraggio a princìpi e a una visione del mondo ben definiti, e come sui princìpi e sulla visione del mondo il Movimento 5 Stelle sia in realtà orientato a sinistra e perciò naturalmente portato a un'alleanza col Pd. Dunque, nei confronti della Lega è il momento di esercitare una spinta positiva per il recupero di una logica di coalizione, di mettere in campo energia e fantasia politica per integrare e ampliare una proposta per il Paese, ma non si può dimenticare che i nostri avversari, in quanto a princìpi di fondo e visione del mondo, si trovano dall'altra parte. Isolare oggi Salvini e la Lega alla ricerca di miraggi e di altri lidi significherebbe realizzare un'Italia egemonizzata dalla sinistra, con la destra relegata nell'angolo dell'anti-sistema. E' lo schema che si sta profilando all'orizzonte - conclude Quagliariello -, ed è lo schema al quale chiunque abbia cognizione della storia del nostro Paese e ne abbia a cuore le sorti ha il dovere di non prestarsi».