26 maggio 2020
Aggiornato 06:00
Forza Italia

Gasparri: «Lega e M5s pericolosi per lavoro ed economia»

L'appello del senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri: «Dobbiamo fermare un governo che è diventato un pericolo per l'occupazione e per l'economia dell'Italia». Mandelli: «Con manovra debito aumenterà ancora»

Maurizio Gasparri, Senatore di Forza Italia
Maurizio Gasparri, Senatore di Forza Italia ANSA

ROMA - «Cancella lavoro, questo è il principio base del governo Conte. Con il decreto falsamente chiamato 'dignità' hanno bloccato il rinnovo di migliaia e migliaia di contratti, con le norme sulle automobili stanno mettendo in fuga la FCA, che oggi è una multinazionale e che in un secondo può spostare investimenti e occupazione dall'Italia in un altro Paese». Lo dichiara in una nota il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri.

«Pericolo per lavoro ed economia»

«Sono degli sventurati che vogliono bloccare cantieri e opere pubbliche dicendo no alla Tav e ad altri investimenti. Che spaventano le aziende e che quindi causeranno soltanto disoccupazione e miseria. La FCA è una garanzia importante per il lavoro, l'occupazione e lo sviluppo in Italia. Le infrastrutture moderne sono essenziali per non isolare l'Italia e per creare lavoro con centinaia di cantieri. Questo governo invece cancella tutto e tutti illudendo alcuni con il reddito di cittadinanza. Che intanto è passato da sei milioni a seicentomila persone, rom e immigrati compresi e che non potrà essere pagato perché, distruggendo l'economia, non ci saranno le entrate per finanziare quella scelta. Dobbiamo fermare un governo che è diventato un pericolo per l'occupazione e per l'economia dell'Italia», conclude.

Mandelli: «Con manovra debito aumenterà ancora»

«La corsa del debito pubblico continua, ed è difficile immaginare un'inversione di tendenza a fronte di una manovra che ha nell'assistenzialismo, e quindi nella spesa pubblica, il suo capitolo più importante». Lo dichiara il deputato di Forza Italia Andrea Mandelli. «Il rischio - prosegue - è che la legge di bilancio, così come è stata strutturata, finisca per far lievitare ulteriormente le uscite, aumentando una mole di debito che già grava in maniera pesantissima sulle nuove generazioni. In questo modo non solo verranno compromesse le possibilità di crescita del nostro Paese, ma manterremo, prevedibilmente, il poco virtuoso status di 'osservati speciali' da parte dell'Europa». «In vista del prossimo Consiglio dei Ministri sul reddito di cittadinanza, ci auguriamo perciò che il buonsenso induca a rivedere le intenzioni grilline e ad evitare che tanti miliardi vadano persi in una operazione destinata a rivelarsi meramente elettorale», conclude.

Carrara: «Sprofonda debito pubblico»

«Altro che governo del cambiamento, l'esecutivo gialloverde sta proseguendo una politica di dissipazione delle risorse pubbliche che sta procurando sfaceli nel bilancio dello Stato. Il debito pubblico a novembre ha superato 2345 miliardi aumentando di oltre 10 miliardi rispetto ad ottobre. E con il rischio recessione dietro l'angolo stiamo ingessando ogni ipotesi di ripresa». Lo dichiara il deputato Maurizio Carrara, responsabile Industria di Forza Italia alla Camera.

Record storico

«E' un nuovo record storico - prosegue Carrara -, purtroppo negativo, che raffigura, ancora una volta, le nefaste politiche economiche del M5S che, con la fine dell'intervento della Bce, sono ancora più perniciose per il bilancio pubblico. E' come se ogni italiano avesse un debito di oltre 38mila euro e ogni famiglia avesse un debito di oltre 92mila euro, una enormità. In questo contesto emerge in maniera ancor più lampante quanto fosse necessaria una legge di bilancio 2019 che puntasse sulla crescita economica e sullo sviluppo industriale, e non a misure clientelari come il Reddito di cittadinanza. Avevamo ragione nel sostenere che il 2% di deficit concesso dalla Commissione europea dovesse incentivare investimenti e redditi e non misure elettoralistiche», conclude Carrara.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal