17 novembre 2019
Aggiornato 10:00
Emergenza sbarchi

La proposta di Gabanelli sull'immigrazione (contro le Coop) e lei giura: «Non mi candido»

La giornalista intervistata da radio RomaCapitale ha detto la sua sulla questione profughi: «Io penso che siamo diventati l’hub d’Europa e contro la nostra volontà. Allora l’Ue ci paghi e noi gestiamo un’accoglienza degna di questo nome a controllo pubblico, con cooperative e le associazioni di volontariato che sono solo di supporto»

ROMA - Intervento da candidata premier per Milena Gabanelli che ai microfoni di radio RomaCapitale ha detto la sua sulla questione immigrazione lanciando quello che potrebbe essere una piattaforma politica di intervento, ma ha tenuto a precisare che non si sta candidando. L'ex conduttrice di Report ha concluso l'intervista con la frase: «Continuo a fare il mio mestiere».

Italia hub d'Europa contro la sua volontà
La giornalista ha spiegato che l'Italia è diventata «l’hub d’Europa e contro la nostra volontà", aggiungendo che noi «non possiamo fare nulla come hanno fatto i paesi del Nord Europa che invece hanno inasprito i controlli e fatto entrare solo chi ha i documenti in regola. Noi abbiamo una posizione geografica per cui non possiamo fare nulla. Allora l’Europa ci paghi e noi gestiamo un’accoglienza degna di questo nome a controllo pubblico, con cooperative e le associazioni di volontariato che sono solo di supporto, facendo, dopo l’identificazione, corsi di formazione, lingua e regole europee».

"Non mi candido"
Quindi, ha proseguito Gabanelli, dopo, ognuno si prende la sua quota, «già identificata e pronta per essere integrata. Nessuno però fa il lavoro a monte. Insomma, tutto va riorganizzato con una gestione pubblica e con i fondi dell’Europa. Le regole devono essere certe. Abbiamo sondato i governi europei se sarebbero disponibili, se facessimo noi il cosiddetto 'lavoro sporco'. Il commissario europeo Avramopulos si è detto favorevole se il governo italiano si prendesse questo incarico. Parole al vento? Sono state comunque fatte a una televisione pubblica. Io sono molto felice di poter proporre soluzioni. Dò il mio contributo di conoscenza e visione. Se può essere utile ben venga, ma non mi candido a qualcosa, continuo a fare il mio mestiere».