17 luglio 2019
Aggiornato 14:00
Torino

Presidio anarchici, fermata antagonista. Ha preso a calci e pugni agenti della Digos

Al presidio sono presenti anche alcuni degli «irriducibili» dell'Asilo, che la scorsa settimana hanno resistito allo sgombero restando sul tetto dell'edificio per 24 ore

Presidio contro lo sgombero dell'Asilo
Presidio contro lo sgombero dell'Asilo ANSA

TORINO - Una antagonista è stata fermata dalla Polizia, nel centro di Torino, nell'ambito dell'annunciato presidio contro lo sgombero dell'Asilo e contro il sostegno all'operazione espresso dalla sindaca Appendino. La donna faceva parte di un gruppo di anarchici che, a bordo di un tram, ha cercato di raggiungere il Municipio, dove è in corso una conferenza stampa con la prima cittadina.

Calci e pugni ad alcuni agenti

Nel tentativo di evitare i controlli della Digos, la fermata ha preso a calci e pugni alcuni agenti; in tasca nascondeva oggetti atti a offendere. «La giunta dichiara guerra. Resistiamo. L'asilo non si tocca. Tutti libri», è lo striscione esposto dai manifestanti. Al presidio sono presenti anche alcuni degli «irriducibili» dell'Asilo, che la scorsa settimana hanno resistito allo sgombero restando sul tetto dell'edificio per 24 ore.

Appendino: Inaccettabile chi manifesta in maniera incivile

«Manifestare è legittimo e io non giudico chi lo fa in modo pacifico. Non è accettabile per la comunità chi lo fa in modo non civile». Così la sindaca di Torino Appendino sugli scontri dei giorni scorsi e sulla manifestazione di oggi degli anarchici. «Certo è che continuo con serenità il mio operato. Quando hai un ruolo importante per la società, come il sindaco, capita di trovarsi in situazioni così. Ringrazio la Questura per le attenzioni nei miei confronti, ma spero che la scorta non duri molto perché cambia le abitudini di una persona», ha aggiunto.

Sono anni che sostengo che la Tav non è utile

«Un'amministrazione deve sentire tutti, ma non fa parte di una comunità manifestare con violenza: su questo non c'è possibilità di dialogo. Sono anni che sostengo che la Tav sia non utile: è emerso un dato che lo conferma, ma sarà una scelta politica» ha ribadito Appendino.