22 maggio 2019
Aggiornato 14:30
L'inchiesta

Ponte Morandi, 10 nuovi indagati per falso

Si tratta di tecnici e dirigenti di Aspi e Spea. L'accusa è di falso in procedimento connesso ai controlli sugli altri cinque viadotti in stato critico. Il sindaco Bucci: «Demolizione tra il 6 e l'8 febbraio»

Il ponte Morandi a Genova
Il ponte Morandi a Genova ( ANSA )

GENOVA - Ci sono dieci indagati in un'indagine connessa a quella sul crollo del ponte Morandi. Si tratta di tecnici e dirigenti di Aspi e Spea. L'accusa è di falso in procedimento connesso ai controlli sugli altri cinque viadotti in stato critico tra cui il Paolillo in Puglia e Pecetti e Sei Luci a Genova.

Nuove perquisizioni della GdF

In mattinata nuove perquisizioni e sequestri della Guardia di Finanza nell'ambito dell'inchiesta. I militari del gruppo delle fiamme gialle hanno acquisito documentazione nelle sedi di Autostrade, Spea e negli uffici dell'Utsa (ufficio tecnico sicurezza autostrade), a Genova, Milano, Bologna, Firenze e Bari. Il nuovo blitz (una settimana fa la Gdf aveva perquisito le sedi a Genova, Milano e Firenze) riguarda altri 5 ponti e viadotti che sarebbero in condizioni di rischio.

Bucci: Demolizione tra il 6 e l'8 febbraio

«Siamo pronti a tirare giù il moncone e il primo pezzo dovrebbe scendere tra il 6 e il 8 febbraio, anche se dobbiamo ancora vedere con precisione quando sarà». Il sindaco di Genova, Marco Bucci, commissario per la ricostruzione anticipa una data per la demolizione del moncone ovest del Morandi. «Stiamo facendo un lavoro che non è preparatorio ma è già di demolizione degli altri pezzi - spiega - e la demolizione è già praticamente iniziata».

Tutta la città a vedere l'evento

«I pezzi - ha detto Bucci - stanno già venendo giù dal ponte, solo che magari sono più piccoli e fanno meno notizia. Quel giorno, però - ha detto alludendo ai primi elementi che saranno staccati dal moncone ovest -, penso che ci sarà tutta la città a vedere l'evento. Sarà un bel momento e sarà anche l'occasione per dire che le cose stanno andando avanti».