23 febbraio 2020
Aggiornato 22:00
Terrorismo

Stava preparando un attentato chimico in Italia: arrestato un sospetto terrorista

L'arresto in Sardegna da parte dei Nocs della polizia. Lo hanno fermato non appena ha messo la testa fuori da casa

L'arresto del presunto terrorista islamico a Macomer (Nuoro)
L'arresto del presunto terrorista islamico a Macomer (Nuoro) ANSA

NUORO - Le forze speciali della polizia hanno arrestato a Macomer, in provincia di Nuoro, un uomo sospettato di stare progettando un attentato terroristico. L’uomo di origine palestinese era monitorato non da moltissimo tempo dagli uomini dell’antiterrorismo della polizia di Stato. L’intervento che ha portato all’arresto è stato eseguito dei Nocs, i reparti speciali della polizia. La zona dove è avvenuta l’operazione è stata messa in sicurezza e nella abitazione dell’uomo è al lavoro la polizia scientifica per attività di indagine. A quanto si apprende l’uomo aveva in mente di passare all’azione con un attentato. 

Stava preparando un attentato chimico
Alaji Amin, palestinese di 38 anni arrestato a Macomer era pedinato e monitorato da tempo. Gli uomini dei Nocs hanno atteso che il presunto terrorista uscisse di casa: quando è salito a bordo di un furgone, i poliziotti lo hanno bloccato e arrestato prima che riuscisse a partire. 

Associazione terroristica internazionale
Il sospetto terrorista è stato arrestato per associazione terroristica internazionale. L'accusa è di aver aderito allo pseudo stato terrorista islamico, il Daesh, l'Isis. Aveva progettato una modalità di attacco attraverso la ricina e l'antrace. Il 38enne aveva già partecipato a un tentativo di attentato a una cisterna d'acqua di una caserma dell'esercito libanese. Nel mirino, con ogni probabilità, i condotti idrici della caserma della Brigata Sassari dell'Esercito italiano, che si trova non lontano dal luogo in cui l'uomo è stato arrestato.