11 dicembre 2019
Aggiornato 15:00

La Lega corteggia la Mussolini: vuole candidarla a governatrice

Lasciata Forza Italia (e il Ppe in Europa), l'europarlamentare si sta avvicinando a Salvini. Che potrebbe lanciarla alla presidenza della Regione Campania

Alessandra Mussolini
Alessandra Mussolini ANSA

ROMA – Appena abbandonata Forza Italia, Alessandra Mussolini sembra avere di fronte a sé le porte spalancate per un ingresso nella Lega. Anzi, per lei sarebbe pronta addirittura la candidatura per un incarico di prestigio: la presidenza della Regione Campania. È l'indiscrezione che circola in queste settimane, almeno da quando l'europarlamentare ha dato il suo addio a Berlusconi, spendendo invece parole di grande elogio per il governo Conte e per il ministro Matteo Salvini in particolare.

Una poltrona d'onore
Ufficialmente il suo ingresso nel Carroccio non è ancora stato sancito, né sono state avviate vere e proprie trattative per la candidatura in Campania, ma la stessa Mussolini ha fatto sapere di essere disponibile a correre per diventare governatrice e che l'idea le piace parecchio: «Ne sarei onorata – ha commentato all'agenzia di stampa Adnkronos – Ma per ora non c'è nulla di concreto, ho solo letto le indiscrezioni e la mia reazione è questa». Ma all'interno della Lega c'è già chi spinge per questa ipotesi: l'esponente di maggior spicco è Pina Castiello, sottosegretaria al ministero per il Sud e deputata originaria di Afragola. «Non sarebbe fantapolitica – spiega sempre ad Adnkronos – ho apprezzato le dichiarazioni che ha rilasciato in queste settimane circa l'iniziativa politica del ministro Salvini, apprezzo la sua visione. Mussolini è stata sempre una donna schietta e aperta, conosciamo la sua spontaneità e sincerità e con lei ho sempre avuto un rapporto cordiale e affettuoso. Ma al momento nulla di concreto: non ho notizie di un suo passaggio alla Lega».

Sempre più vicina
Per le elezioni regionali, in ogni caso, c'è ancora tempo: non sono in programma prima del 2020. Nel frattempo, però, prosegue l'avvicinamento di Alessandra Mussolini al partito di Salvini, di cui ha elogiato anche pubblicamente l'operato di governo: «Mi piace il suo approccio, il suo atteggiamento popolare – ha dichiarato Mussolini in un'intervista al Corriere della Sera – Continua ad essere un vero militante, non uno di quelli delle stanze ministeriali». E chissà che, prima ancora che in Regione, non si candidi sotto il vessillo di Alberto da Giussano anche alle prossime elezioni europee, ora che anche al parlamento di Strasburgo ha abbandonato il Partito popolare europeo.