4 dicembre 2021
Aggiornato 21:00
Genova

Pestarono con una mazza da baseball il proprietario di un autosalone, presi i responsabili

Aggressione avvenuta nel 2017 in un autosalone a Genova come punizione per non aver saldato un debito. Individuati i responsabili: 3 uomini di 41, 20 e 31 anni

GENOVA - La Squadra mobile di Genova ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di tre persone ritenute responsabili di un violento pestaggio avvenuto nel 2017 a Genova.

IL PESTAGGIO - In quell'occasione il titolare di un autosalone e un cliente intervenuto per difenderlo sono stati picchiati da 3 criminali con una mazza da baseball, in pieno giorno, tra lo sconcerto e la paura dei passanti. Poi sono scappati a bordo di un'auto. Gli agenti intervenuti sul posto hanno trovato fin da subito difficile identificare gli aggressori, anche a causa delle poche informazioni utili che avevano fornito le vittime.

ACCUSE - I tre sono tutti pregiudicati: un 41enne di Sassari, un ragazzo di 20 anni di Genova e un cittadino albanese di 31 anni. Sono ritenuti responsabili di una spedizione punitiva ai danni del proprietario dell'autosalone, che aveva riscontrato un debito senza pagarlo. Le accuse sono di estorsione e lesioni gravissime per l'aggressione del 19 settembre 2017.

ARMI CLANDESTINE - Le indagini della Squadra Mobile ligure hanno permesso di individuare i tre pregiudicati, i due italiani e l'albanese, scoprendo anche le disponibilità di armi da fuoco che possedevano grazie a contatti illeciti e che venivano introdotte di volta in volta nel mercato clandestino. Una pistola sembra fosse presente durante l'aggressione all'autosalone, tuttavia non è stata utilizzata.