Italia | Governo

Lega-M5s, accordo sul contratto: ma il Quirinale vuole il testo definitivo

Il Colle ancora in attesa, ma i lavori per il contratto sono chiusi. Di Maio: «Ci siamo. Nel weekend gazebo in tutta Italia per leggere il contratto». E Grillo apre una scatoletta di tonno

ROMA - Lunedì scorso al presidente della Repubblica hanno voluto lasciare al presidente della Repubblica Sergio Mattarella la bozza dell'accordo di programma nello stato in cui si trovava in quel momento. Poi, il silenzio. E ora da Quirinale arriva una risposta alquanto stizzita a chi chiede se il presidente abbia ricevuto copia del programma tra Movimento 5 stelle e Lega: «Il Presidente non guarda bozze ma testi definiti, frutto della responsabilità dei partiti che concludono accordi di governo». Tempo scaduto per Sergio Mattarella, nelle vesti dell'insegnante severo che chiede la consegna dei compiti in classe. Ad affrettare i tempi, la difficile giornata economica, con il ritorno del fantasma dello spread e le troppe anticipazioni uscite sulla stampa in una fase politica decisamente delicata che richiederebbe - per citare il presidente della Repubblica - «responsabilità». Intanto i due partiti continuano a lavorare giorno e notte. L'obiettivo è riuscire a dare all'Italia un governo all'inizio della prossima settimana, dopo aver consegnato l'accordo e i nomi della squadra di governo al Quirinale e, soprattutto, aver reso possibile la partecipazione ai cittadini su una scelta che, comunque vada, cambierà la storia tanto del Movimento 5 stelle, che per la prima volta sarà alleato di un partito politico, che della Lega Nord, che andrebbe al governo senza lo scudo della coalizione di centrodestra al gran completo.

Intanto i lavori sul contratto sono arrivati a un punto
«Abbiamo concluso i lavori del tavolo, adesso il risultato verrà sottoposto all’attenzione di Di Maio e Salvini per un confronto su alcuni punti che devono ancora essere risolti». Lo ha detto Alfonso Bonafede del M5S. «I punti di convergenza sono tanti – ha riferito – il lavoro è stato molto positivo. Adesso servono ancora uno o due giorni. Abbiamo fatto un lavoro enorme sul programma di governo, è un programma molto ambizioso, è un governo del cambiamento». Dello stesso tono l'annuncio dato su Facebook dalla pagina Lega-Salvini premier: «Conclusi con successo i lavori del tavolo Lega - 5 Stelle, il testo verrà ora sottoposto alla lettura di Matteo Salvini e Luigi Di Maio».

L'appello di Di Maio - su Facebook - agli attivisti del M5s
Per la firma del contratto di governo è «questione di ore» e il testo sarà sottoposto a una consultazione online. Lo scrive su Facebook Luigi Di Maio. «Questo week end - spiega - invito tutti gli attivisti del Movimento 5 Stelle a colorare l'Italia di giallo e riempire le piazze di gazebo e banchetti che informano i cittadini sui punti del contratto di governo che stiamo per stipulare. I materiali verranno forniti a tutti i gruppi locali non appena il contratto sarà ultimato. Informo anche tutti gli iscritti del Movimento, ai sensi dell'articolo 4 comma b dello Statuto del Movimento 5 Stelle, che nei prossimi giorni saranno chiamati a votare online su questo contratto di governo. La data e l'orario definitivi saranno comunicati non appena avremo il contratto ultimato, e credo che ormai sia questione di ore. Questo è il momento del coraggio. Non un passo indietro!», conclude.

Matteo Salvini: «I nomi solo dopo il programma»
Quanto ai nomi della squadra di governo, Matteo Salvini ha spiegato che solo una volta firmato il contratto per il governo del cambiamento «passeremo ai nomi». Intanto «Abbiamo fatto bei passi avanti». Sul suo incarico, invece, prende tempo: «Non vado a fare il ministro - ha detto - per il gusto di farlo, vado al governo solo se c'è un programma firmato nero su bianco, con i tempi, fissati, pezzo per pezzo. Matteo Salvini non sarà mai ostacolo alla nascita del governo: se devo fare un passo di lato io ci sono, lo farò». Poi, una battuta sulla minaccia dello spread, sempre su Facebook: «Solo 464.000 BAMBINI nati in Italia nel 2017, il dato peggiore della nostra storia. I giovani scappano, lavorano sempre meno e sempre più tardi, perdono il sorriso e la speranza di mettere al mondo dei FIGLI.
Altro che spread o numeri imposti dall’Europa, dovrà essere questo il primo risultato positivo del prossimo governo: tornare a RIEMPIRE LE CULLE, ridare vita e speranza agli italiani!».

La rabbia di Grillo: «Ci avete rotto il c...»
«Ci avete rotto il c...!. Nei giorni caldi delle trattative M5S-Lega per la formazione del governo, Beppe Grillo chiude così un video pubblicato sul suo blog, in cui il fondatore del movimento appare in cucina per spiegare una "ricetta a #5Stelle! Veloce da realizzare!», ha scritto in un tweet rimandando al breve filmato. Grillo propone la sua prima ricetta: «Apro una scatoletta di tonno e lo metto su un piatto, recupero l'olio. Prendete una schiacciatina toscana, la rompete in tanti dadini, tutti uguali. Mettete tutto in un piatto piano, con una foglia d'insalata per guarnire. E' una cosa veloce, che potete fare quando volete: tonno con schiacciatina, c'avete rotto il c...!».