20 settembre 2019
Aggiornato 11:30
Partito democratico

Visco, Orfini: «Nessuno scontro con il governo»

Il presidente del Pd si è detto sorpreso da «alcune reazioni ed editoriali: per i credenti il Papa è infallibile ex cattedra io nemmeno sono credente»

ROMA - La mozione sulla nomina del prossimo governatore della Banca d'Italia «io l'ho condivisa ed è stata limata con il governo quindi non c'è uno scontro con il governo». Così il presidente del Pd, Matteo Orfini, uscendo da una audizione in commissione d'inchiesta sulle banche. Orfini si è detto «sorpreso" da «alcune reazioni ed editoriali: per i credenti il Papa è infallibile ex cattedra io nemmeno sono credente... Quindi figurarsi. Che questa infallibilità sia trasferita al governatore della Banca d'Italia o ad altre apicalità istituzionali è abbastanza curioso». E' «sicuramente utile ascoltare il governatore» Visco «ma dopo che avremo acquisito la documentazione necessaria a farci un'idea e forse anche dopo aver iniziato il lavoro di inchiesta sulle crisi bancarie più recenti», ha spiegato Orfini, uscendo da una audizione in commissione d'inchiesta sulle banche. «Alcuni gruppi - ha detto orfini - hanno chiesto di farlo prima. Io ho espresso la mia posizione. Sarà "Casini con ufficio di presidenza» a decidere il calendario.