20 luglio 2024
Aggiornato 00:00
furti

Sequestrate 6 auto di lusso rubate: erano dirette in Kuwait

Il proprietario dell'autodemolizione e due soggetti di etnia rom, in possesso di coltelli a serramanico, sono stati denunciati

Sequestrate 6 auto di lusso rubate
Sequestrate 6 auto di lusso rubate Foto: ANSA

GENOVA - La Guardia di Finanza di La Spezia ed i funzionari del Servizio Antifrode del locale Ufficio delle Dogane hanno rinvenuto e sequestrato nel porto della città ligure sei auto di lusso rubate all'interno di un container diretto in Kuwait.

Rubavano auto di lusso
Dietro ad un muro di rottami di vecchie auto erano nascoste due Porsche, due Mercedes, una Audi ed una Range Rover nuove o di recente immatricolazione, smontate in ogni singola parte, in modo da preservarne la funzionalità per un successivo riutilizzo mediante il riassemblaggio di tutte le componenti una volta giunte a destinazione. Il lungo e scrupoloso lavoro d'ispezione delle varie componenti si è focalizzato su alcuni indizi rinvenuti tra le auto ed il successivo interessamento anche delle case madri estere ha portato all'identificazione dei veicoli rinvenuti, al loro sequestro perché di provenienza furtiva e alla conseguente denuncia di quattro soggetti.

Anche una Porsche Cayenne
Tra le auto, principalmente rubate nel Lazio, era presente anche una Porsche Cayenne GTS sottratta ad un facoltoso imprenditore russo mentre si trovava in vacanza a Forte dei Marmi. A seguito dell'attività svolta, la locale Procura della Repubblica ha disposto una perquisizione nei confronti di una società romana di autodemolizione, presso la quale i finanzieri hanno rinvenuto un motore e parti di carrozzeria di un altro veicolo rubato insieme ad alcuni documenti.

La denuncia
Nell'area destinata allo stoccaggio di veicoli in attesa di essere demoliti, le fiamme gialle spezzine hanno trovato anche altri oggetti di provenienza furtiva, in particolare alcune confezioni di vini e spumanti pregiati, elettrodomestici ed attrezzi da lavoro professionali per un valore commerciale di oltre 10 mila euro. Il proprietario dell'autodemolizione e due soggetti di etnia rom, in possesso di coltelli a serramanico, sono stati denunciati. Le indagini, durate alcuni mesi, hanno permesso di acquisire elementi di prova a carico di due cittadini siriani, una polacca ed un italiano, il titolare della società di autodemolizioni, ai quali è stato contestato il reato di ricettazione.