20 agosto 2019
Aggiornato 17:30
Immigrazione e Ong

Ong, Padre Zerai indagato: «Ha favorito gli scafisti». Lui: «Sono tranquillo»

Padre Mussie Zerai, fondatore dell`agenzia Habeshia, risponde a chi l'ha chiamato in causa a mezzo stampa in merito all`inchiesta aperta dalla Procura di Trapani su alcuni episodi di cui si sarebbero resi protagonisti membri della Ong tedesca Jugend Rettet

ROMA - Si tratta di «vere e proprie calunnie e, per la sistematicità con cui vengono rappresentati e diffusi, potrebbero configurare una vera e propria campagna denigratoria nei miei confronti e di quanti collaborano con me nel programma umanitario in favore di profughi e migranti, che abbiamo costruito nel corso di anni di lavoro». Così padre Mussie Zerai, fondatore dell'agenzia Habeshia, risponde a chi l'ha chiamato in causa a mezzo stampa in merito all'inchiesta aperta dalla Procura di Trapani su alcuni episodi di cui si sarebbero resi protagonisti membri della Ong tedesca Jugend Rettet. «Mi riservo di controbattere nelle sedi legali opportune a questa serie di calunnie che mi sono state indirizzate - dichiara a quanto riportato dal Sir -. Per il momento posso dire di aver ricevuto solo la mattina di lunedì 7 agosto, mentre rientravo da un viaggio di lavoro, la notizia che la Questura di Trapani dovrebbe notificarmi l'avviso di un procedimento per conto della locale Procura».

Nulla da nascondere
Padre Zerai, però, afferma di essere tranquillo. «Immagino che sia un provvedimento ricollegabile all'inchiesta aperta sulla Ong Jugend Rettet. Se di questo si tratta, posso affermare in tutta coscienza di non aver nulla da nascondere e di aver agito sempre alla luce del sole e in piena legalità. A parte l'iniziativa di Trapani, di cui ho già informato i miei legali in modo da prenderne visione ed eventualmente controbattere in merito, non sono stato chiamato in alcuna altra sede per giustificare o comunque rispondere del mio operato in favore dei profughi e dei migranti».

Notizie diffamatorie
Padre Zerai conferma di aver inviato segnalazioni di soccorso all'Unhcr e a Ong come Medici Senza Frontiere, Sea Watch, Moas e Watch the Med. «Prima ancora di interessare le Ong, ogni volta ho informato la centrale operativa della Guardia Costiera italiana e il comando di quella maltese - precisa -. Non ho invece mai avuto contatti diretti con la nave della Jugend Rettet, chiamata in causa nell'inchiesta della Procura di Trapani, né ho mai fatto parte della presunta 'chat segreta' di cui hanno parlato alcuni giornali: le mie comunicazioni sono state sempre inoltrate tramite un normalissimo telefono cellulare». Tutte le segnalazioni, prosegue, «sono il frutto di richieste di aiuto che mi sono state indirizzate non da battelli in partenza dalla Libia, ovvero al momento di salpare, ma da natanti in difficoltà al largo delle coste africane, al di fuori delle acque territoriali libiche e comunque dopo ore di navigazione precaria e pericolosa». E' vero, prosegue, «che di volta in volta ripeto la segnalazione anche via mail, ma anche questo è dovuto a una indicazione che ho ricevuto nel 2011 dal comando centrale della Guardia Costiera, che mi chiese di confermare i miei messaggi via mail, cioè in forma scritta, dopo la tragedia avvenuta nel Mediterraneo tra i mesi di marzo e aprile (63 morti), in merito alla quale diversi soggetti negarono di aver ricevuto richieste di soccorso». Padre Zerai ritiene «molte notizie pubblicate sul mio conto assolutamente diffamatorie e denigratorie»: «Ho dato incarico ai miei legali di tutelare in tutte le sedi opportune la mia onorabilità personale, quella del mio ruolo di sacerdote e quella di Habeshia, l'agenzia che ho fondato e con la quale collaborano persone assolutamente disinteressate e a titolo totalmente volontario».

Timori
Padre Zerai, intervenendo ad Agorà Estate, ha duramente contestato l'operato dell'attuale ministro dell'Interno, colpevole, a suo avviso, di non preoccuparsi troppo dei diritti umani dei migranti. «Minniti, così come le autorità libiche, sono responsabili delle torture che ogni giorno avvengono sulle coste libiche, perché ne sono pienamente consapevoli». «Ho raccontato più volte delle costrizioni che gli scafisti attuano contro i migranti nei capannoni presenti sulle coste libiche. A quelle persone interessa solo incassare i soldi e poi liberarsi di quelle persone per far posto ad altre. Ho il timore di essere stato strumentalizzato, ma non posso far altro che provare a salvare le vite di chi mi chiama», ha aggiunto il fondatore dell'agenzia Habeshia, finito sotto inchiesta dalla procura di Trapani per la vicenda dei soccorsi in mare ai migranti da parte delle Ong.