25 giugno 2019
Aggiornato 06:00
Marcia «Insieme senza muri»

Fratoianni: «Nessun immigrato è illegale»

Il Segretario di Sinistra Italiana alla manifestazione milanese: «Rispondere al razzismo e al fascismo che monta con forza ribellione civile». Magi (Radicali): «Confini non siano muri ma varchi per libertà».

Frantoianni (Sinistra Italiana): «Migranti invasori? Salvini si faccia curare»
Frantoianni (Sinistra Italiana): «Migranti invasori? Salvini si faccia curare» ( ANSA )

MILANO - «Siamo in piazza perché nessuna persona è illegale, contro il razzismo, per l'accoglienza ma anche contro l'ipocrisia di una certa classe politica, contro i decreti Minniti/Orlando, contro una legislazione speciale. Sinistra Italiana è in piazza contro l'idea che la guerra tra poveri sia la soluzione alla povertà dei molti». Lo ha affermato Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, arrivando in piazza a Milano per partecipare alla manifestazione «Insieme senza muri».
«L'unico modo per combattere le diseguaglianze, prosegue Fratoianni, è costruire integrazione, rispondere al razzismo e al fascismo che monta con la forza della ribellione. Una ribellione civile, democratica. Sinistra italiana oggi è in piazza per dire questo - ha proseguito il segretario Si -. Per dire che vogliamo accogliere ma soprattutto per dire che le ragioni delle grandi migrazioni strutturali, le ragioni della diseguaglianza che cresce, della povertà non hanno nulla a che fare con chi fugge disperato dalla fame, dalla povertà, dalla guerra. Hanno invece a che fare con l'ingiustizia di chi ha tanto a danno di molti che non hanno nulla», ha concluso Fratoianni.

Magi (Radicali): Confini non siano muri ma varchi per libertà
«Lo scontro oggi è tra chi vuole che le frontiere diventino muri e chi invece, come noi Radicali, crede debbano essere varchi legali per costruire una società aperta basata sulla libertà e il rispetto dei diritti come dei doveri, per tutti». Così il segretario di Radicali italiani Riccardo Magi sfilando alla marcia «Insieme senza muri» a Milano.
«Come Radicali Italiani abbiamo deciso di partecipare a questa marcia, convinti come siamo che un fenomeno epocale come l'immigrazione non possa essere lasciato in pasto alla demagogia, ma debba essere governato con politiche efficaci - ha spiegato Magi -. Ringraziamo quindi tutti coloro che anche qui a Milano stanno firmando la nostra legge di iniziativa popolare 'Ero Straniero', che Radicali Italiani ha promosso insieme alla Fondazione Casa della Carità, l'Arci, le Acli e alle più importanti organizzazioni impegnate sul fronte dell'immigrazione, per superare la fallimentare Bossi-Fini e investire su accoglienza e inclusione attraverso il lavoro: riforme indispensabili per vincere la sfida dell'immigrazione».