22 febbraio 2020
Aggiornato 18:00
il carroccio non digerisce bertolaso

Comunali Roma, Marchini: «Nessun patto segreto con Salvini»

Mentre il centrodestra rischia l'implosione con la candidatura di Guido Bertolaso, i Conservatori e Riformisti decidono di appoggiare Alfio Marchini

ROMA - La candidatura di Guido Bertolaso a sindaco di Roma è stata mal digerita dal Carroccio e da Matteo Salvini. Ma con Alfio Marchini non sembrano esserci accordi segreti né, per il momento, alleanze in vista.

Marchini: Salvini ha preso atto della realtà
«Salvini si è limitato a prendere atto della realtà. Immaginiamo per un attimo se Giuseppe Sala da candidato Pd avesse detto nell'ordine: Renzi non ama Milano. Ho fatto la campagna per Berlusconi e sono un vecchio democristiano. Viva le ruspe per i campi rom. E, per finire in bellezza, avesse confessato che se non fosse stato candidato avrebbe votato per Sallusti.....Renzi lo avrebbe giubilato in tempo reale e la lettura unanime sarebbe stata: il suicidio politico di Sala», dichiara, in una nota, Alfio Marchini commentando lo stop della Lega su Guido Bertolaso candidato del centrodestra al Campidoglio. «Ma con Salvini non ci sono patti segreti», conclude.

Cor: Sosteniamo Marchini
Marchini, nel frattempo, continua a raccogliere consensi. «Smentisco ogni nostro interesse ad aggregazioni politiche non alternative al Partito democratico e a Renzi. Ci interessa invece molto riunire il grande popolo dei moderati, come ad esempio sulle unioni civili, a difesa di valori e di programmi che il Pd non è in grado di rappresentare». Così in una nota il capogruppo dei Conservatori e riformisti in Senato Anna Cinzia Bonfrisco. «A Roma si gioca, a partire dal piano amministrativo, una sfida importante per ridare una prospettiva politica agli elettori di centrodestra disorientati ai quali noi, - conclude Bonfrisco - attraverso il sostegno alla scelta coraggiosa di Marchini, offriamo un progetto credibile per il futuro».

(Fonte Askanews)