23 febbraio 2020
Aggiornato 12:30
Ancora caos nel centrodestra

Salvini: Cerchiamo il candidato migliore, ascoltiamo i romani

La candidatura di Bertolaso non è chiusa, ma è necessario che spieghi bene cosa vuol fare nel concreto per la città. Questa la posizione del leader della Lega rispetto alla candidatura a Roma di Guido Bertolaso

ROMA - Per scegliere il candidato sindaco di centrodestra «ascolteremo i romani, con i gazebo, nelle piazze. Mi fido di Berlusconi e della Meloni ma preferisco ascoltare tutti, preferisco aspettare una settimana-dieci giorni e se i romani hanno una idea efficace e pulita io gli vado dietro. Roma merita una settimana di riflessione». Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini a «La telefonata» di Maurizio Belpietro su Canale 5.

Roma non vuole Bertolaso
«Io - ha aggiunto - ascolto la gente: un conto sono le scelte della politica un altro è quello che pensa la gente. A Roma ho parlato con tante persone, mi dicono: io di te mi fido, voglio votare centrodestra, ma perché Bertolaso dice poverini i Rom sono stati penalizzati? Perché dice che avrebbe votato per il candidato di sinistra? Un conto sono le scelte al tavolo della politica ma poi se i cittadini mi dicono ascoltateci, facciamo altre scelte, è mio dovere ascoltarli».

Cosa vuole fare il candidato per Roma?
La candidatura di Bertolaso, assicura Salvini, «non è chiusa» ma «come fai a dire che i Rom sono una categoria vessata e penalizzata? Sono penalizzati i romani, i milanesi, i torinesi a cui i Rom rompono le palle». Dunque «se Bertolaso mi spiega cosa vuol fare per Roma in concreto di questo parliamo, se iniziamo a fare fantapolitica...». La decisione dunque, dopo il colloquio telefonico di ieri con Silvio Berlusconi, è rimandata alla prossima settimana: «Con Berlusconi ci siamo confrontati e aggiornati alla settimana prossima. Cerco di ragionare non per il bene della Lega ma per il bene delle città. A Milano abbiamo il candidato migliore, dobbiamo trovarlo anche a Roma».

(con fonte Askanews)