14 ottobre 2019
Aggiornato 13:30
il centrodestra al tavolo delle trattative

Comunali, Berlusconi Meloni e Salvini si incontrano ad Arcore per deliberare

A riferire la scelta delle candidature è l'ex ministro Altero Matteoli, indicato da Silvio Berlusconi come responsabile Fi per le trattative al tavolo del centrodestra

ROMA - E' in corso ad Arcore l'incontro tra il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, e il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini. I tre leader, all'indomani delle primarie del centrosinistra che hanno indicato in Beppe Sala il candidato per palazzo Marino, si sono incontrati a pranzo per discutere dei candidati a sindaco per le elezioni amministrative. A partire, appunto, da quello per Milano. Ma già circola più di un nome anche per quanto riguarda gli altri comuni.

I leader del centrodestra si riuniscono per decidere le candidature
A chiarire le scelte dei leader del centrodestra è l'ex ministro Altero Matteoli indicato da Silvio Berlusconi come responsabile Fi per le trattative al tavolo del centrodestra (dove la Lega è rappresentata da Giancarlo Giorgetti e Fdi da Ignazio La Russa) per le candidature a Sindaco alle Comunali di giugno. Per «Milano e Roma se ne occupano direttamente i leader: Berlusconi, Salvini e Meloni. Quindi non sono di mia competenza. Ma mi pare ormai per Milano l'accordo sia concluso su Stefano Parisi», riferisce Matteoli. In ogni caso mercoledì a Roma è in programma una riunione fra Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia «e conto di chiudere il quadro per le candidature» a sindaco alle prossime elezioni comunali di giugno.

I candidati a Torino, Napoli e Cagliari
A Torino invece «si chiuderà quasi certamente - ha confermato Matteoli ad Affaritaliani.it - sul nome di Osvaldo Napoli, mentre a Napoli il candidato sindaco del centrodestra sarà certamente Gianni Lettieri». A Bologna «la Lega insiste sul nome di Lucia Bergonzoni però noi abbiamo ancora in campo il nostro consigliere regionale. Ne parleremo e cercheremo di trovare un accordo». A Cagliari - infine - «è ancora tutto in alto mare», conclude Matteoli.

Ncd prende le distanze dal Pd
Per quanto riguarda il centrosinistra, invece, è Gianni Sammarco a chiarisce alcune incognite. «Prendo atto degli innamoramenti di qualcuno verso il Pd, però ricordo che questo partito al momento si chiama Nuovo Centrodestra e che finora non sono venute indicazioni di partito rispetto ad eventuali liste da farsi in alleanza col Pd. Quindi per quanto mi riguarda, presunti appelli al buonsenso di chi vorrebbe candidati sindaci sostenuti unicamente da liste Pd-NCD, si tratta di fughe in avanti di carattere personale", chiarisce in una nota Sammarco, responsabile di Ncd a Roma, dopo le affermazioni del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. (Fonte Askanews)