13 luglio 2020
Aggiornato 23:30
sgradite le tensioni tra il sindaco e il pd

Demopolis, per il 72% degli italiani la crisi della Capitale è colpa dei partiti

Per due terzi degli intervistati il disastro dipende anche dalla corruzione

ROMA - Nei giorni in cui si decide il futuro dell'Amministrazione Marino, l'Istituto Demopolis ha analizzato la percezione dell'opinione pubblica nazionale su quanto sta accadendo nella Capitale.

Demopolis: La responsabilità è dei partiti
«Per il 72% degli italiani - spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento - le responsabilità dell'attuale crisi di Roma sono dei partiti che hanno governato la città negli ultimi anni. Secondo i due terzi degli intervistati, a determinare la situazione in cui si trova oggi Roma è stato il radicato sistema corruttivo scoperto dall'inchiesta di "mafia capitale", che ha coinvolto in pieno ampi segmenti della classe politica locale. Pesa, per quasi un italiano su due, anche l'inefficienza della macchina amministrativa e della burocrazia». Al quarto posto, indicata dal 30%, la gestione di Ignazio Marino: il dato sulle responsabilità del Sindaco cresce però di 9 punti percentuali, al 39%, nell'opinione di chi vive nella Capitale.

Troppe tensioni col Pd
Che cosa ha caratterizzato l'esperienza del sindaco Marino al Campidoglio? Il giudizio complessivo dei romani è piuttosto critico: 6 cittadini su 10, intervistati da Demopolis per il programma Otto e Mezzo, gli attribuiscono una ridotta capacità amministrativa che ha inciso sui servizi locali; il 56% una insufficiente conoscenza della città. Ma la maggioranza assoluta, il 53%, riconosce a Marino intransigenza ed onestà, accompagnate da una chiara estraneità al sistema. A pesare negativamente sull'Amministrazione, nella percezione di oltre un terzo dei romani, sono state anche le ripetute tensioni con il Premier Renzi e con il Partito Democratico. (Fonte Askanews)