18 gennaio 2020
Aggiornato 23:30
Trasporti

Vercelli isolata, adesso ci tolgono pure i Frecciabianca...

In città potrebbero venire a mancare alcuni collegamenti fondamentali. E' quanto si apprende dalle dichiarazioni dell'assessore regionale Balocco. I danni per pendolari e territorio sarebbero sostanziosi

VERCELLI - Si prevedono grossi cambiamenti sulla circolazione ferroviaria per la stazione di Vercelli. L’assessore regionale ai Trasporti Balocco, ha infatti recentemente dichiarato che verrà utilizzata la linea alta velocità Torino-Milano anche per i servizi Frecciabianca. Le conseguenze sono facilmente ipotizzabili. Vercelli non è ubicata su questa linea ed i treni Frecciabianca, secondo tale progetto, non fermerebbero più nella nostra città, che rimarrebbe pertanto esclusa dai collegamenti ferroviari diretti a medio e lungo raggio (verso Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia) e sarebbe raggiungibile solo utilizzando treni regionali in partenza da Milano o Torino, che continuerebbero a transitare sulla linea storica.

I danni sarebbero sostanziosi
«Il Piemonte punta a verificare la possibilità di due fermate intermedie a Chivasso e a Novara» ha annunciato infatti l’assessore Balocco agli organi di stampa. Se il progetto andasse in porto, i danni per Vercelli sarebbero ingenti sia dal punto di vista dei collegamenti, in quanto diventerebbe raggiungibile solo con cambio di treno da Milano o da Torino, sia da quello dei servizi. Pensiamo ai numerosi pendolari che oggi utilizzano tale tipologia di treni.

Si attendono le risposte dal sindaco
SiAmo Vercelli, ha presentato, la scorsa settimana, un’interrogazione al sindaco chiedendo di sapere se è informata a proposito dell’effettiva esecutività del progetto e dei relativi dettagli e su come intenda eventualmente tutelare gli interessi della città di Vercelli, che nel caso, rimarrebbe esclusa dai collegamenti di medio e lungo raggio previsti dai treni Frecciabianca. Maura Forte è intenzionata a rivolgersi direttamente ai rappresentanti locali in Regione, per evitare questo grave declassamento a danno della nostra città.