12 dicembre 2019
Aggiornato 05:00
Manifestazione per la legalità prevista per domani

Marchini: «Sia una marcia apartitica o non ci saremo»

L'imprenditore romano Alfio Marchini sostiene «chi ha il coraggio di ammettere di non essere stato in grado di restare immune alle infiltrazioni dei clan o comunque ne ha sottovalutato la capacità di inquinamento, inebriato da una teorica e presuntuosa superiorità morale»

ROMA (askanews) - «È positivo che il Pd promuova una manifestazione contro mafia e criminalità». Lo dichiara il consigliere comunale di Roma, Alfio Marchini, in un'intervista su Repubblica.

Niente palchi e palchetti
«In un mondo dove nessuno è più in grado di fare la minima autocritica, va sostenuto chi ha il coraggio di ammettere di non essere stato in grado di restare immune alle infiltrazioni dei clan o comunque ne ha sottovalutato la capacità di inquinamento, inebriato da una teorica e presuntuosa superiorità morale. Abbiamo però detto a Orfini che l'unica forma organizzativa di questa manifestazione deve essere a nostro avviso apolitica, apartitica, priva di palchi e palchetti e senza alcun intervento più o meno politico. Il nostro modello è la marcia silenziosa per la pace ad Assisi», continua Marchini.

Non servono discorsi
«Di palchi e di parole se ne sono dette fin troppe in questi anni. Se non sarà possibile, pur rispettando il punto di vista di chi ha promosso questa manifestazione, noi non ci saremo. Non ho alcuna intenzione di ascoltare i soliti proclami e le solite promesse vane di chi ha macchiato per sempre l'onore di Roma e dei romani. E poi, con quale criterio si dovrebbe decidere quanti e quali interventi fare? E allora perché non dare la parola al popolo romano arrabbiato? Quindi, marcia silenziosa stile Assisi o noi ce ne staremo a casa, da bravi ingegneri, a lavorare alla riorganizzazione della rete di servizio Atac che in periferia fa acqua da tutte le parti. È quella la base su cui far rinascere l'azienda e il sistema dei trasporti romani», sottolinea.