29 novembre 2020
Aggiornato 23:30
Il leader del Carroccio dopo l'incontro con Morando

Salvini: «Il governo brancola nel buio, con le pensioni non sa che fare»

"Sono insoddisfatto per le risposte arrivate dal governo sul tema pensioni", ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, dopo aver incontrato (insieme ad una delegazione di parlamentari del Carroccio) il viceministro dell'Economia, Enrico Morando, presso la sede del dicastero.

Roma (askanews) - «Sono insoddisfatto per le risposte arrivate dal governo sul tema pensioni». Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, dopo aver incontrato (insieme ad una delegazione di parlamentari del Carroccio) il viceministro dell'Economia, Enrico Morando, presso la sede del dicastero.

Salvini: Il governo non ha intenzione di risarcire i pensionati
Nel corso del colloquio, ha spiegato Salvini, «non sono state date indicazioni di numeri, tempi, modi» per il risarcimento di quei pensionati che sono stati vittime del blocco delle indicizzazioni dell'assegno previdenziale. Il governo, ha detto ancora Salvini, «non ha alcuna intenzione di intervenire in tema di pensioni. Poi c'è una barca di soldi, circa 20 miliardi di euro, che stanno cercando di trovare. In ogni caso - ha proseguito il leader del Carroccio - non hanno intenzione di trovarli tutti e di trovarli subito». Morando «ci ha chiesto alcune settimane di tempo per lavorare - ha proseguito Salvini - ma questo è chiedere troppo. Noi faremo in modo che tutti i sei milioni di italiani che sono toccati dalla sentenza della Corte costituzionale verranno risarciti».

Fedriga: Renzi e Padoan brancolano nel buio
«Come volevasi dimostrare, il governo sulle pensioni brancola nel buio». Lo ha detto il vicecapogruppo della Lega alla Camera Massimiliano Fedriga parlando con i giornalisti al termine dell'incontro che la delegazione di parlamentari della Lega, guidata da Matteo Salvini, ha avuto oggi sul tema pensioni con il viceministro dell'Economia Enrico Morando. «Morando ci ha ribadito - ha continuato Fedriga - che sulle pensioni non vuole mettere mano, confermando la legge Fornero». A questo punto, ha aggiunto, «noi aspetteremo il Consiglio dei ministri di venerdì e se non avremo risposte torneremo al ministero». Quello che emerge, ha continuato, è comunque «tanta confusione, anche perché loro non vogliono restituire totalmente il maltolto. E questo è inaccettabile. Si vuole fare cassa con i soldi dei pensionati». Sulle cifre il governo «è allo sbando perché - ha rilevato l'esponente leghista - non riesce a far quadrare i conti. Per ora si parla di un'incidenza di quattro miliardi di euro lordi dal 2011 ma è ancora tutto molto confuso». Per il senatore Roberto Calderoli «è in atto da parte del governo il tentativo di inventarsi un decreto con cui aggirare quanto deciso dalla consulta».