17 febbraio 2020
Aggiornato 18:30
QUIRINALE

Sulla Campania «troppo spesso e pesantemente vengono diffuse immagini tendenti al catastrofismo»

RP | RP | Il presidente della Repubblica Napoltiano: «Penso alla campagna seminatrice di panico oltre che di discredito su Napoli e con gravi conseguenze per la sua economia che è partita dai gravi fatti della Terra dei Fuochi. La gravità di questo problema è stata ben delimitata e affrontata nel decreto del governo con la Regione»

http://www.youtube.com/watch?v=Qrfjbf6GYVw

NAPOLI - Su Napoli, sul dramma della Terra dei fuochi e in generale sul Mezzogiorno occorre evitare «generalizzazioni» e «catastrofismo», ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in una intervista al Mattino di Napoli.

IMMAGINI CATASTROFISTICHE - Napolitano ha sottolineato l'importanza della sua visita all'Accademia aeronautica di Pozzuoli, dove è stata presentata la nuova sede dell'Istituto Telethon di Genetica e Medicina: «Quello al quale abbiamo partecipato a Pozzuoli - ha affermato - è uno di quegli eventi che mi spingono a guardare con fiducia alle risorse e alle potenzialità del Paese, e anche di Napoli e del Mezzogiorno, di cui troppo spesso e pesantemente vengono diffuse immagini tendenti addirittura al catastrofismo».

CAMPAGNA DI DISCREDITO SU NAPOLI - «E penso - ha spiegato - alla campagna seminatrice di panico oltre che di discredito su Napoli e con gravi conseguenze per la sua economia che è partita dai gravi fatti della Terra dei Fuochi. La gravità di questo problema è stata ben delimitata e affrontata nel decreto del governo con la Regione Campania. Mi auguro che, in proposito, ne possa scaturire un'informazione più misurata e costruttiva».

FACILI GENERALIZZAZIONI - «Mi addolora - ha detto ancora il capo dello Stato - la generalizzazione che deriva da un'estrema facilità ad accogliere anche le versioni più dubbie di problemi sicuramente complessi, ma che vengono presentati in termini ingiuriosi e di totale pessimismo». Servirebbe, ha ribadito Napolitano, «un'informazione più attenta e mirata».