23 gennaio 2022
Aggiornato 16:00
FORZA ITALIA

Brunetta insiste: «Alla Camera siedono 148 abusivi della sinistra»

RP | RP | RP | Il presidente dei deputati di Fi: «Dopo la sentenza con la quale la Corte Costituzionale ha bocciato l'attuale legge elettorale, bisogna immediatamente rendere esecutive le indicazioni che sono state date. I deputati eletti a Montecitorio grazie al premio di maggioranza, sono di fatto decaduti. il Pd passerebbe ad esempio da 292 deputati a 165, Sel da 37 a 21»

ROMA - «Dopo la sentenza con la quale la Corte Costituzionale ha bocciato l`attuale legge elettorale, bisogna immediatamente rendere esecutive le indicazioni che sono state date. I deputati eletti a Montecitorio (dove ancora non sono state convalidate le elezioni dello scorso febbraio) grazie al premio di maggioranza, sono di fatto decaduti e i seggi assegnati grazie a quel premio, giudicato illegittimo dalla Consulta, dovrebbero essere riassegnati subito tra gli altri gruppi presenti in Parlamento», ha dichiarato Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia (Fi).

I 148 ABUSIVI - I calcoli effettuati da Brunetta «consentono di ritenere, lasciando perdere il Senato che mi risulta aver già provveduto alla convalida dei suoi membri, che i deputati di sinistra `abusivi` sarebbero 148 (da 340 scivolerebbero a 192). Con la redistribuzione dei seggi il centrodestra avrebbe in tutto solo due onorevoli in meno del centrosinistra, situandosi a 190 e guadagnandone dunque 66 rispetto agli attuali 124. Allo stesso tempo il Pd passerebbe ad esempio da 292 deputati a 165, Sel da 37 a 21».

PARLAMENTO NON LEGITTIMO - Dunque anche la nuova legge elettorale «dovrebbe venire adottata dal Parlamento nella `nuova` composizione a seguito della ridefinizione dell'assegnazione dei seggi o dal governo con un decreto-legge di emergenza limitato a tamponare la situazione in vista dell'elezione di un nuovo Parlamento legittimo cui spetterebbe di riesaminare la questione», ha concluso il deputato.