30 ottobre 2020
Aggiornato 00:30
Partiti | Movimento 5 Stelle

Paola Taverna in rima sul blog di Grillo contro «gli aperturisti»

Una senatrice ha scritto una poesia per prendersi gioco degli eletti nel Movimento 5 stelle disposti a dialogare con altre forze politiche: «Che meraviglia/ sei diventato senatore/ E' mo' te senti er più gran signore/ Lasci interviste e fai er politico sapiente/ Pe me è pe' troppi ancora sei poco più de gnente»

ROMA - La senatrice Paola Taverna del Movimento 5 stelle (M5s) ha scritto una poesia per prendersi gioco degli eletti nel M5s disposti a dialogare con altre forze politiche. La composizione è stata pubblicata dal blog di Beppe Grillo con titolo «Gli aperturisti».

Benché attribuite in passato alle «manipolazioni» dei giornalisti, le tensioni interne al M5s sono tornate a manifestarsi vistosamente nel momento più difficile della maggioranza che sorregge il governo Letta. Mentre sui giornali tornano a fioccare le ipotesi di aggregazione a una nuova maggioranza di ipotetici «grillini» dissidenti, Taverna ha scritto qualche verso al vetriolo.

LA POESIA - «Er Senatore,/ Che meraviglia/ sei diventato senatore/ E' mo' te senti er più gran signore/ Lasci interviste e fai er politico sapiente/ Pe me è pe' troppi ancora sei poco più de gnente/ Te guardo incredula seduto proprio accanto/ E penso che non sai quale gran rimpianto/ De quelli che vicino me stavano ai banchetti/ E' senza dubbio alcuno capivano i concetti/ So poche cose giuro semplici e banali/ Ma te le voi stravolge e rende particolari/ Proponi accordi strani e vedi prospettive/ Mentre io guardo ste merde e genero invettive/ So io quella sbagliata che ha perso er movimento?».

«O te come bandiera - ha proseguito la senatrice - ora giri insieme al vento/ E' invece de grida' annate TUTTI A CASA/ Te inventi le cazzate ma questa è n«antra cosa/ Lontano da quei sogni che qui c'hanno portato/ Prevedono concetti che ormai te sei scordato/ Ma sai quanto me frega a me de sta poltrona/ Se quando me guardo in faccia vedo n'antra persona/ Ma quanti sete 5, 7, 20... Perché nun ve ne andate felici e contenti/ Lasciate che sto sogno che in tanti ancor vediamo/ Possa spiccare er volo.../ E voi state lontano».